don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 3 Marzo 2021

21
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La direzione dei desideri 

Gesù annuncia la sua passione nella quale avrebbe subito il tradimento, l’ingiusta condanna, la sofferenza e la morte. Pare di avvertire nel tono della voce la tensione emotiva per la gravità di ciò che sta per accadergli. Ma nel momento in cui condivide la sua preoccupazione vuole comunicare anche la speranza che lo anima. Egli va incontro alla Pasqua che non trova il suo epilogo nella morte ma ha il suo compimento nella risurrezione. Essa, avvenendo il terzo giorno, indica che il senso pieno della passione risiede nella gloria.  La gloria della risurrezione non ha nulla a che fare con quella dei governanti delle nazioni che dominano su di esse o con il potere dei capi che le opprimono. La risurrezione rivela la vera gloria di Gesù il Cristo che non viene per farsi servire ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti. Gesù, conoscendo il suo destino di sofferenza causato dai peccatori, sceglie di amare l’uomo e si mette a servizio della volontà del Padre, il Signore del cielo e della terra, che ha preparato per tutti un trono di gloria. 

Gesù chiede ai suoi discepoli di seguirlo fino alla fine, fino a Gerusalemme e fin sotto la croce, senza lasciarsi distrarre dalla paura e dall’incomprensione della sua scelta. Anche noi non comprendiamo il senso di ciò che ci accade soprattutto quando le vicende della vita sembrano contraddire le nostre aspirazioni. Dio non mortifica i nostri desideri ma li orienta perché siano in sintonia con la sua volontà e si traducano in scelte di amore e di servizio fraterno.

Come Giacomo e Giovanni anche noi possiamo affrontare le sfide della vita con coraggio e determinazione ma, come loro, anche noi abbiamo bisogno di essere aiutati a finalizzare i nostri sforzi perché si compia la volontà di Dio. Solo così potremo imitare Gesù e raggiungere con lui la vetta della gloria. Alla scuola del Crocifisso risorto impariamo il lessico dell’amore grazie al quale diamo una direzione chiara ai nostri desideri che puntano alla santità percorrendo la faticosa ma educante via del servizio fraterno.

Signore Gesù, tremo davanti all’idea della sofferenza e della morte. La solitudine mi fa paura. Nell’ora della prova so che mi sei vicino, soprattutto quando mi sento usato e poi abbandonato. Ascoltare il racconto della tua passione mi conforta: tu stai portando me sulle tue spalle come ti sei caricato dell’infame patibolo. Sento la tua voce confortarmi, la storia si ripete, la morte è vinta dall’amore, come per te, anche per me. Aiutami a fidarmi e ad affidarmi a te perché ogni scelta sia di servizio e in ogni gesto d’amore si compia la tua volontà.   

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 3 Marzo 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Marzo 2021