don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2021

121
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Dalle parole ai fatti, dalla preghiera alla carità fraterna

Sulle sponde del lago di Galilea Gesù, vedendo venire tanta gente verso di lui, aveva messo alla prova Filippo domandandogli: «Dove compreremo il pane per dar da mangiare alla folla?». L’apostolo aveva risposto realisticamente che sarebbe stato impossibile comprare pane sufficiente per tutti. Gesù sapeva bene quello che stava per compiere e lo stesso Filippo avrebbe assistito da lì a poco al segno della moltiplicazione dei pani e dei pesci e avrebbe ascoltato le parole del Maestro che ne rivelavano il senso.

Infatti con quell’opera Gesù voleva rivelare che il pane vero è quello che dà il Padre e quel pane dal Cielo è lui stesso. Gesù non solamente parla del Padre, ma, attraverso le opere da lui compiute, il Padre si fa vedere e conoscere. In definitiva Gesù, mediante i segni, prepara i discepoli a vedere il Padre non tanto come colui che troveremo alla fine della nostra vita, ma come colui che è già presente nella nostra esistenza e, con il battesimo, ha fatto di noi la sua casa e ci abita. Non solamente Lui, ma tutta intera la famiglia divina che è la Trinità. Gesù esorta a credere alle sue parole che danno senso alla nostra vita anche quando abbiamo difficoltà a rintracciarla e ci sentiamo soli o addirittura abbandonati.

Se diamo credito alle parole di Gesù allora siamo da lui stesso introdotti nel medesimo rapporto che lo unisce al Padre. Possiamo usare le sue stesse parole per parlare a Dio e permettere allo Spirito Santo di pregare in noi, come Lui suscita la preghiera e l’opera di Gesù. È proprio attraverso la preghiera, e in particolare la celebrazione dei sacramenti, che facciamo la stessa esperienza degli apostoli. Anche in questo senso la nostra fede è apostolica. La liturgia ci permettere di condividere con Gesù la medesima relazione con il Padre introdotti dallo Spirito Santo nel dialogo d’amore che unisce le persone della Trinità. Infatti la liturgia, essendo opera di Cristo e della Chiesa, educa il discepolo di Gesù non solamente a ripetere nel rito parole e gesti di Gesù, ma a renderlo presente attraverso le opere di Carità. Come l’amore di Gesù per l’uomo nasce da quello per il Padre, così la carità fraterna è generata dal rapporto intimo che unisce in Cristo il credente con il Padre stesso.

Signore Gesù, come Filippo anche io vedo e godo delle opere di Dio ma mi fermo al segno senza andare oltre per incontrare il Padre che in esso mostra il suo amore per me. Conducimi Tu verso di Lui. Illumina con la tua parola il mio cuore perché possa riconoscere la presenza di Dio che mi abita, sentirne il calore e il conforto e desiderare di conoscerlo e aderire a Lui sempre di più. Insegnami a pregare con le tue parole affinché possa assimilare i tuoi sentimenti per amare non con la lingua ma con il cuore, non semplicemente enunciando le intenzioni, ma compiendo opere di carità. 

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Maggio 2021