don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2022

73
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Conoscere Gesù con gli occhi del cuore

A differenza degli altri evangelisti, Giovanni non descrive il battesimo di Gesù nel Giordano, ma fa riferimento all’evento ricorrendo alla testimonianza del Battista. Nelle sue parole si coglie lo stupore nel vedere Gesù sotto una luce nuova, lo riconosce come il Figlio di Dio, il Messia che viene a liberare l’uomo dalla schiavitù del peccato. Con grande umiltà ripete due volte che non conosceva Gesù perché nel suo approccio a Lui aveva utilizzato criteri umani.

Solo quando vede scendere su di lui lo Spirito Santo, lo riconosce come l’inviato di Dio, il consacrato del Signore che regna e libera con lo spirito di mitezza. L’esperienza di Giovanni è paradigma del cammino di fede dell’uomo, che non è primariamente adesione a norme di natura morale ma incontro personale con Dio. La Parola di Dio illumina l’incontro con Lui e lo rende significativo. Non è affatto scontato dire di conoscere Gesù, anche se si vive da anni il cammino di fede.

Spesso ci si lascia fuorviare da categorie umane che non colgono la sua vera identità. Alla luce del cammino che abbiamo fatto e stiamo facendo, chiediamoci: chi è Gesù per me? Come mi rapporto a Lui? Come Giovanni il Battista anche noi siamo chiamati ad una conoscenza sempre più profonda di Gesù Cristo per essergli testimoni credibili nel mondo indicandolo ai nostri fratelli e orientandoli verso di Lui. Per far questo s’impone la necessità di decentrarci e spostare l’attenzione dal proprio io, spesso molto ideale, alla realtà concreta che narra della presenza del Signore Gesù.

Non dobbiamo aver paura di prendere le distanze dalle proprie attese e slegare le persone da noi stessi se, come dovremmo fare da buoni discepoli, riconosciamo che l’unico pastore che ci guida e ci salva è Gesù, l’Agnello di Dio. Anche i sacrifici, sebbene dolorosi, saranno compiuti con gioia perché consapevoli di unirli a quell’unico e perfetto sacrificio che Gesù ha offerto sulla croce per liberarci dal peccato e restituirci la dignità dei figli di Dio. 

Signore Gesù, anche io come Giovanni confesso umilmente di non conoscerti, perciò ti chiedo la grazia di conoscerti con gli occhi del cuore, desiderarti, cercarti e incontrarti, perché non c’è cosa più triste che conoscerti solo per sentire dire. La mia testimonianza di fede faccia percepire lo stupore gioioso davanti alla manifestazione del tuo amore che supera le attese umane. La Parola di Dio purifichi il mio sguardo perché possa andare oltre le apparenze, i pregiudizi e i miei occhi possano contemplarti per riconoscere la tua presenza che fa ardere il cuore di speranza perché solo Tu porti la salvezza e la gioia.

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 3 Gennaio 2022
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2022