don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 3 Dicembre 2020

121
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Quando la Parola mette le radici nel cuore

A conclusione del cosiddetto discorso delle beatitudini, Gesù mette a confronto due tipi di persona: il sapiente e lo stolto. La differenza emerge quando si è sferzati dalle prove della vita, solo allora si rivelano i fondamenti sui quali poggiamo le nostre scelte. Il vincitore o il perdente si manifesta per quello che è alla fine, quando si raggiunge la meta della vita, che è vivere la piena intimità familiare con Dio tale da chiamarlo Padre.

La fede in Dio è la solida base, la condizione imprescindibile per ogni altra relazione d’amore che desideri durare nel tempo e resistere nelle difficoltà. Quando posso dire di confidare veramente in Dio? Quando la sua parola penetra nel mio cuore e lo trasforma facendolo fruttificare in opere di amore autentico. L’avvento è tempo dell’ascolto di Dio affinché la sua Parola diventi carne nelle nostre azioni quotidiane. Quando la Parola mette radici nel nostro cuore, la vita non poggia sulle sabbie mobili ma sulla roccia della verità e rimane stabile.

Non capiremo tutto e subito ciò che la Parola ci dice, ma se la custodiremo come il seme nella terra produrrà frutti di pace, di giustizia, di benevolenza, di mansuetudine, di misericordia, di carità fraterna. 

Come una madre accompagna la gestazione del proprio bambino nel suo grembo, così dobbiamo avere la pazienza amorevole di lasciarci fecondare gradualmente dalla Parola, che diventa manifesta nelle azioni quotidiane, nelle quali prende consistenza storica la volontà di Dio.

La Parola cambia la vita

Su cosa fondiamo le nostre scelte quotidiane? Quali sono i criteri che la orientano? Raccontiamo qualche esperienza in cui abbiamo dovuto scegliere tra la Parola di Dio e le parole degli uomini, spesso in contrasto.

Nella vita quotidiana leggiamo e coniughiamo gli eventi alla luce della Parola? La Parola di Dio è il criterio di discernimento della storia personale e collettiva?