don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2021

36
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Pacifiche inquietudini

Le autorità, ancora molto indispettite del gesto compiuto da Gesù nel cacciare i mercanti dal tempio, gli chiedono conto di ciò che ha fatto. Spesso anche noi, invece di lasciarci interrogare dagli eventi, preferiamo inquisire gli altri. La contro domanda di Gesù vorrebbe stimolarci riflettere su noi stessi, sul modo con il quale reagiamo davanti alla vita, sull’autorità che esercitiamo sugli altri o a favore degli altri. Credo che capiti a tutti di sentirsi a disagio o di trovare delle resistenze nel fare un viaggio introspettivo e una verifica delle proprie emozioni, dei pensieri e degli atteggiamenti conseguenti, soprattutto quando ci si trova in un conflitto.

Il dubbio può avere due nature: o nasce dalla diffidenza o è espressione di una sana ricerca della verità. Posso scoprire se esso è parte dell’esperienza della maturazione di fede o, al contrario, è generato dalla poca fede, dal fatto che metto in discussione le mie certezze e mi pongo in ascolto con animo puro e leale. La fiducia parte sempre dal presupposto che di fronte non ho una persona da «squadrare» per verificare se rientra nei miei schemi, ma un fratello o una sorella verso la quale aprirmi per accogliere il bello e il buono di cui è portatore o portatrice.

Il Signore ci offre costantemente prove della sua autorità mettendo sul nostro cammino persone che, con il loro stile di vita, con la loro parola o azione ci richiamano alla sostanza delle cose. Essa non è altro che relazioni d’amore fraterno. Il ragionamento a cui il Signore vuole condurci è semplice e chiaro, ma i suoi interlocutori oppongono discussioni che sanno più di sterili tatticismi che di seria riflessione.

Signore Gesù, la cui autorità è riconosciuta persino dai demoni, aiutami a non opporre resistenza all’evidenza del tuo amore e alla forza purificatrice della tua Parola. I tuoi gesti profetici e i tuoi insegnamenti sapienti mi inducano a sempre ricercare la verità con umiltà e desiderio di conoscerti e aderire a Te per essere tuo fedele discepolo. Ti chiedo la grazia di salutari inquietudini affinché la mia fede sia più vicina al sentire della gente e meno infarcita di elucubrazioni mentali che mi alienano dalla vita reale e mi estraniano dalla comunità dei fratelli.

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 29 Maggio 2021