don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 29 Dicembre 2021

88
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Alla tua luce vediamo la luce 

Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino (Sal 118, 105). Nel libro dei Salmi la luce che permette di camminare sulla strada giusta e in modo corretto è la Parola di Dio che nell’Antico Testamento è chiamata Legge, i comandamenti che orientano il cammino di fede dei giovani sposi e il loro bambino nato da appena otto giorni.

Attuando i comandamenti, soprattutto quelli rituali, essi confessano la loro fede in Dio, Signore della vita. Il primogenito, al pari delle primizie del campo e del gregge, è il segno della benedizione di Dio, come tale, gli viene riconosciuto un particolare legame con il Signore, è consacrato a Lui. Il primogenito rivela in sé stesso il volto di Dio. Simeone è mosso dalla luce dello Spirito Santo, che alimenta in lui la speranza e apre gli occhi per riconoscere il Messia, colui che i profeti avevano annunciato come il Servo di Dio, luce delle nazioni, cioè luce per tutti gli uomini (cf. Is 49,6).

“Sia la luce” (Gen 1,3) è la prima parola di Dio nell’atto di creare. La luce pone un limite alle tenebre, così come Cristo Gesù pone un limite al peccato. Per chi è nelle tenebre del peccato e si è abituato al buio, la luce produce un effetto destabilizzante fino a farlo cadere, a far crollare tutti gli altari che l’orgoglio e l’egoismo hanno innalzato per autoesaltarlo. Ma quella caduta, come fu per Paolo, non è per l’umiliazione ma per la risurrezione, per la conversione alla vita nuova. Anche Maria non è esente dal dolore che, insieme alla gioia, deriva dall’aderire alla volontà di Dio. È necessario attraversare i dolori del parto per essere generati, venire alla luce, ed essere al contempo generatori di vita. 

Come Simeone ed Anna, siamo chiamati ad essere annunziatori di un’attesa e di una presenza, a testimoniare l’incontro tra Dio e l’uomo di tutti i tempi, accendendo le fiaccole della luce di Cristo nella notte della storia. Verifichiamoci e chiediamoci quali sono i gesti attraverso i quali ciascuno di noi, e la comunità ecclesiale tutta, può diffondere la luce di Cristo.

Signore Gesù, sole che sorgi dall’alto e compimento del giorno senza tramonto, illumina ogni uomo a prescindere dai suoi meriti, dalla razza o dal credo che professa, soprattutto chi vaga nel buio dell’incertezza e chi cerca con speranza la verità. Nel tuo volto splende la luce vera perché in Te è la vita degli uomini. Come Simeone, nonostante le miopie del mio cuore, possa riconoscere la presenza di Dio nella mia vita e abbracciarlo con delicatezza e rispetto, come quando si accoglie tra le braccia un bambino. Che dallo sguardo, dal modo di operare, dal modo di relazionarmi, traspaia la luce dell’Eterno amore, la potenza di Dio, che abbatte ogni muro, scioglie ogni nodo, risana ogni ferita.

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 29 Dicembre 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 29 Dicembre 2021