don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021

102
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Sottoporsi al giudizio di Dio

L’insegnamento di Gesù richiede di essere assimilato perché chi accoglie nel suo cuore la Parola di Dio, e la fa crescere dentro di sé, diventa figlio del Regno. La casa rappresenta lo spazio nel quale la parola di Gesù può essere compresa e vissuta perché la si lega alla vita. Nella parabola la Chiesa vi legge un’allegoria. Questo linguaggio associa ad ogni immagine, tratta dall’esperienza, una realtà concreta che appartiene al mondo delle relazioni al quale apparteniamo.

Non si tratta solamente di descrivere delle situazioni esterne ma di presentare con estremo realismo le dinamiche interne. È nel segreto del cuore che si decide a chi appartenere, da cui ne conseguono i comportamenti. Siamo chiamati ad essere giudici di noi stessi sottoponendoci costantemente al giudizio di Dio. La parola di Dio è come fuoco che distrugge o rafforza.

Se dentro il nostro cuore coltiviamo il risentimento e il pregiudizio, alimentato dalla rabbia e dalla paura, prima o poi diventano aggressività verbale o fisica. Sottoporsi al giudizio di Dio vuol dire far passare dal fuoco della sua giustizia i nostri sentimenti perché sia sradicata e distrutta la zizzania del peccato, seminato da Satana, e la nostra vita possa risplendere di quella carità che attinge la sua bellezza dal cuore di Dio.

Dio, giudice giusto e misericordioso, è sempre all’opera perché i suoi figli nel mondo vivano le prove della vita come itinerario di purificazione e riconciliazione. In tal modo i loro occhi non saranno accecati dall’orgoglio, ottenebrati dallo scoraggiamento, ma coglieranno i segni dell’azione di Dio che non abbandona i suoi figli ma li guida sapientemente alla gioia e allo splendore della vita eterna.

Signore Gesù, Tu che con la tua morte e risurrezione sei stato costituito giudice dei vivi e dei morti, guidaci tutti alla comunione fraterna e insegnaci a giudicare noi stessi prima di accusare gli altri. Donami la sapienza di conoscermi come mi conosce il Padre mio e Padre tuo e di vagliare i pensieri che favoriscono la riconciliazione da quelli che creano solchi profondi di odio.

Il tuo Spirito mi aiutami ad offrire al Padre insieme a Te il dolore dell’ingiustizia subita, l’umiliazione che spegne i sogni e le speranze, la delusione per la fiducia tradita, la sofferenza per l’ingratitudine e la calunnia, perché elimini dal mio cuore ogni seme di arroganza ed egoismo e faccia spazio ai germogli fruttiferi della mitezza e della carità.

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 27 Luglio 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021