don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 27 Agosto 2020

145

Mi prendo cura di te!

Santa Monica

L’immagine del padrone di casa che è sempre vigile, soprattutto la notte, per respingere il ladro suggerisce l’idea della necessità di essere attenti per custodire e proteggere ciò che ci sta a cuore. La paura di perdere qualcosa d’importante attiva le forme di difesa contro il male o ciò che può arrecarci sofferenza. La fede, quando è vera sebbene imperfetta, è vissuta anche come paura di perdere il rapporto con Dio e, con esso, anche la speranza.

Le immagini del servo, sia quello fedele e prudente sia il malvagio, completano l’icona precedente. La responsabilità di custodire i beni della casa è affidata al servo che non è il padrone ma è chiamato a renderlo presente agendo con la stessa attenzione con la quale ha vigilato sui suoi averi. Il servo fedele e prudente nel prendersi cura dei colleghi non pensa al suo tornaconto ma si preoccupa di rendere concreta l’amorevolezza e l’attenzione propria del padrone che considera i suoi servi come il tesoro più prezioso da custodire. 

Il modo migliore per difendersi dal maligno consiste nel prendersi cura dei fratelli considerandoli come il bene più prezioso e la comunione con loro il fine principale del proprio operato. Per quanto limitati siamo, abbiamo ricevuto un potere che spetta a noi decidere come utilizzare e per quale fine. Come nella parabola, anche nella storia, ci vengono presentati due modelli: il servo fedele e prudente e quello malvagio. Il primo nella sua missione si lascia ispirare dal padrone di casa e, attraverso il suo ministero, dice ai fratelli: mi state a cuore! Il secondo, invece, nei fatti afferma: «Me ne frego!».

La fedeltà e la prudenza si misurano in un ampio lasso di tempo nel quale l’assenza prolungata del padrone pesa. Quando le prove della vita ci insidiano e ci concentriamo su di esse temendo persino di perdere la vita, può calare l’attesa e il desiderio dell’incontro col Signore e anche la premurosa attenzione verso i fratelli. Il «menefreghismo» non è una caratteristica innata, ma la conseguenza di traumi interiori non curati con la carità. 

Prima che le ferite infettino il cuore e si spenga il lume della ragione è necessario lasciarsi curare dalla terapia dell’amore per risvegliare la speranza. 

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!


Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]