don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2021

48
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

L’amore al potere uccide, il potere dell’amore rende vivi

Sgomento e paura albergano nel cuore dei discepoli mentre cercano di stare al passo di Gesù che determina il ritmo di marcia verso Gerusalemme. Alcuni di essi si allontanano e Gesù ritiene opportuno parlare chiaro ai Dodici che chiama in disparte per ribadire la terza volta cosa sta per accadergli. Parla esplicitamente di sofferenze, umiliazione, di morte e risurrezione. Cosa è questo se non il cuore del vangelo? La richiesta dei fratelli Giacomo e Giovanni arriva come se Gesù non avesse detto nulla.

L’ambizione dei due apostoli sembra ignorare l’annuncio della Pasqua con il suo carico di sofferenza prima di giungere alla gloria della risurrezione. Sembra quasi un intervento fuori contesto ma che assume tutto il suo significato se la stessa scena la ponessimo dopo la Pasqua. I figli di Zebedeo sarebbero figure allusive di quei cristiani che vivono e celebrano la Pasqua nel rito ma non nella vita. Essi bevono il calice e si fanno battezzare ma non si lasciano trasformare nel cuore perché in esso non c’è spazio per la grazia di Dio in quanto è tutto pieno di ambizioni e speranze umane. Il carrierismo è una piaga che rinnova la sofferenza di Cristo nella passione. Gesù è stato umiliato e ucciso proprio a causa dell’invidia che è alimentata dalla sete di potere.

Spesso, soprattutto negli ambienti educativi, formativi o lavorativi, si confonde facilmente il timore di Dio o il rispetto con la paura. Il timore di non poter raggiungere i propri obbiettivi e che qualcun altro possa farlo al posto nostro ci induce a dissimulare. Ci fingiamo obbedienti, ma siamo solo accondiscendenti, mostriamo disponibilità e impegno ma si tratta solamente di puro calcolo di convenienza. Abbiamo bisogno sempre di verificarci sulla base dell’esempio che Gesù offre: «non sono venuto per essere servito ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Il bisogno di affermazione di sé deve cedere il posto al desiderio di essere a servizio esclusivo del bene degli altri. La sete del potere è un bisogno che ci appartiene e che accomuna tutti; ma quando diventa volano delle nostre scelte e meta da raggiungere siamo capaci di tutto, persino di brindare per disavventure altrui o di provare un intimo e inconfessabile piacere per il fallimento dei nostri avversari, gli stessi che ci contendono l’oggetto del desiderio e insidiano i nostri sogni di grandezza.  

Signore Gesù, voglio concentrare il mio sguardo su di Te e distoglierlo dal mio io, assetato di potere, o dagli idoli ingannatori, fraudolenti modelli di piacere effimero. La parola del vangelo mi commuova sempre di più rendendomi presente sotto la croce. Lì è il tuo e il mio trono di gloria. Aiutami a prendere la croce con coraggio e umiltà, a portarla con speranza e fiducia, a salirci con senso di gratitudine e rispetto perché essa non è un destino da subire ma un progetto di vita e d’amore da realizzare insieme a Te.

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 26 Maggio 2021