don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2020

606

DISCEPOLI DI GESÙ PER ATTRAZIONE

III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

L’inizio della missione di Gesù coincide con la conclusione di quella di Giovanni Battista per indicare che tra i due corre una linea di continuità ma anche novità. Il Battista era stato inviato a preparare la via del Signore che sarebbe venuto a diradare le tenebre con la sua luce. Così la venuta di Gesù a Cafarnao è letta dall’evangelista Matteo come il compimento della profezia di Isaia. Gesù è la luce che brilla sul popolo che abitava nelle tenebre e in regione e ombra di morte.

La regione della Galilea era stata frequentemente terreno di battaglia tra i popoli e bottino di vittoria delle potenze straniere che di volta in volta si erano avvicendate nel tempo. I Galilei erano considerati impuri dai giudei di Gerusalemme perché nei secoli i popoli pagani avevano “inquinato” la purezza della razza ebraica.

Gesù inizia la sua missione lasciando la sua patria e la sua famiglia per abitare tra gli uomini dalla periferia perché i primi destinatari del vangelo sono gli esclusi e coloro che sono ai margini. Cafarnao è una città di passaggio e di frontiera e Gesù la elegge a propria dimora facendone il centro della sua missione in Galilea. Ancora oggi Gesù viene ad abitare soprattutto in quelle terre segnate da lotte fratricide e competizioni che lacerano il tessuto sociale e familiare. La sua presenza è nella parola che, penetrando tra le tenebre delle guerre intestine per l’affermazione di sé, porta la luce della ragione che accende la speranza di pace e riconciliazione. Dove arriva la luce della Parola di Dio attraverso le lampade della carità, della mitezza, della gentilezza, della disponibilità, della condivisione, si dissipano le ombre della cupidigia, dell’orgoglio e della vanagloria.  

La predicazione di Gesù è un invito a convertirsi, cioè a cambiare modo di pensare. In cosa consista questo cambiamento lo spiega la scena nella quale Gesù, camminando lungo le rive del lago di Tiberiade chiama i primi quattro discepoli. Lasciare e seguire sono i due verbi che definiscono i termini della questione. La conversione è la risposta alla parola di Gesù che esercita un’attrazione tale che i pescatori volgono le spalle al mare per rivolgere la loro attenzione verso Gesù. 

Il mare rappresenta i compromessi con la vita per sopravvivere. Nella simbologia biblica il mare è simbolo dell’enigma della vita. Infatti, il fondo del mare quando è profondo non si vede e quando è agitato dai forti venti le onde possono travolgere le piccole imbarcazioni come le prove della vita, talmente grandi e difficili da gestire, fanno soccombere le persone fragili. Il mare, sebbene sia anche fonte di sostentamento è sempre visto con paura e diffidenza. 

Gesù manifesta il volto di un Dio buono, benevolo verso gli uomini. La luce che promana dai suoi occhi è la misericordia di Dio che scioglie ogni paura e abbassa ogni sistema di difesa. La mitezza accende nel cuore degli uomini la luce della fede per la quale davanti a Gesù non si fanno calcoli d’interesse ma si seguono le sue orme. Chi, ascoltando la voce di Gesù, avverte la carica di umanità che da essa promana non rimane indifferente o pensieroso, non differisce la risposta alla chiamata, ma si lascia attrarre dalla forza dell’amore.

Simone e Andrea pescano stando sulla sponda del lago, segno dell’incapacità di allontanarsi dalle loro sicurezze, fragili e frammentarie come lo è la sabbia della spiaggia. Gettano la rete senza entrare nel mare indicando che essi operano, ma senza coinvolgersi pienamente e mettersi in gioco in quello che fanno. Giacomo e Giovanni, nella loro posizione all’interno della barca insieme al loro padre Zebedeo intenti a riparare le reti, possono simboleggiare l’atteggiamento di chi in maniera rassegnata cerca di riparare momentaneamente ciò che è rotto piuttosto che decidersi per un vero rinnovamento. 

Lasciare le reti, la barca e il padre significa l’inizio della conversione che si attua nel momento in cui si decide di seguire Gesù. Non Lo segue chi sospirando si vanta di aver fatto forti rinunce per Gesù perché in questo dire si nasconde la logica della retribuzione. Gesù non chiede di rinunciare a nulla, ma di orientare tutto verso l’amore a Lui. La sequela non è un sacrificio in cui si rinuncia a tutto per il Tutto, ma è una scelta senza calcoli in cui l’unica motivazione per essere suoi discepoli e l’attuazione della promessa che fa Gesù. Seguire Gesù non significa affatto snaturarsi o rinnegare la propria identità, ma scommettere su di Lui e giocarsi la vita con Lui per portare a compimento la promessa di felicità che Dio fa ad ogni uomo. 

Auguro a tutti una serena domenica e vi benedico di cuore! 

Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]
 

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI


Letture della Domenica
III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A
Colore liturgico: VERDE

Prima Lettura

Nella Galilea delle genti, il popolo vide una grande luce.Dal libro del profeta Isaìa

Is 8,23b – 9,3

In passato il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti.
Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Mádian.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Sal 26 (27)

R. Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura? R.

Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per contemplare la bellezza del Signore
e ammirare il suo santuario. R.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore. R.

Seconda Lettura

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

1 Cor 1,10-13.17

Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire.

Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo».

È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo?

Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.

Parola di Dio

Vangelo

Venne a Cafarnao perchè si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4, 12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Parola del Signore.

Forma breve:

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4,12-17

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Parola del Signore