don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 26 Agosto 2021

85
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Vigilare significa avere il cuore aperto ad accogliere Dio

Nel linguaggio biblico vegliare non significa solo tenere gli occhi aperti ma soprattutto conservare un cuore accogliente. La vigilanza ha a che fare con il desiderio e l’attesa dell’incontro con il Signore. Attraverso l’esempio del padrone di casa il quale, sapendo che il ladro agisce con la complicità del buio è particolarmente attento di notte per non lasciarsi trovare impreparato, Gesù esorta i discepoli a tenere desta l’attenzione non tanto per paura che venga loro sottratto qualcosa ma per la gioia che si vive nell’incontro con il Signore.

Egli, infatti, viene non per rubare ma per donare a noi la vita eterna. L’attesa cristiana non è carica di tensione ma piena di speranza perché animata dalla certezza che il Signore viene in nostro aiuto e ci salva. La paura fa scattare meccanismi di autodifesa che ci rendono duri ed egoisti. Al contrario, la speranza, animata dalla fede riposta nel cuore di Dio, spinge a realizzare ogni forma di carità fraterna anticipando nel servizio l’incontro gioioso dell’ultimo giorno. 

Signore Gesù, che hai promesso di visitare e accompagnare i tuoi discepoli nel loro cammino di vita e di fede, infondimi lo Spirito della perseveranza perché gli occhi del mio cuore siano sempre aperti a riconoscere nei fratelli più piccoli e bisognosi la tua presenza. Liberami dalla dipendenza dalla paura di perdere ciò a cui ho attaccato il cuore e donami la fiducia necessaria per essere fedele al comandamento dell’amore sul quale tutti saremo giudicati al tramonto della nostra vita.

Fa fiorire dentro di me la speranza affinché il continuo desiderio d’incontrarti mi aiuti a servirti nei fratelli dando loro la medesima premura e attenzione che mi riservi in virtù della tua infinita misericordia.

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 26 Agosto 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 26 Agosto 2021