don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 24 Settembre 2021

65
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La preghiera educa al dialogo e alla ricerca della verità

La preghiera accompagna i momenti più importanti della vita di Gesù, dal battesimo al fiume Giordano fino alla croce. Il valore della preghiera e il suo vero significato si manifestano nelle scelte che si compiono e dalle quali dipende la realizzazione della nostra vocazione. La preghiera, infatti, è il tempo in cui porsi davanti a Dio in una relazione dialogica per discernere la sua volontà e distinguerla dalle proprie aspettative.

La domanda che Gesù pone ai suoi discepoli apre un dialogo, continuazione di quello che lui stesso ha vissuto nella preghiera con il Padre.  Interrogando i Dodici educa i suoi discepoli a pregare uscendo dal silenzio e narrando a Dio il proprio vissuto per porre davanti a Lui i sentimenti e i pensieri custoditi nel cuore. Ma perché dire quello che Dio già conosce? Perché nel momento in cui gli apro il cuore senza vergogna lo libero dall’orgoglio e dalla paura che lo ingolfano di pensieri negativi.

Le idee sono certamente importanti ma quando ad esse viene data un’importanza superiore alla realtà cadiamo nell’orgoglio. L’idea di noi stessi determina le scelte di vita che, in tal modo, poggia sempre di più sulla nostra forza di volontà. Ma per quanto possiamo essere volitivi e coriacei nell’affrontare le difficoltà immancabilmente entriamo in crisi davanti alla sofferenza perché una mente abituata a pensare girando attorno al proprio io la decodifica come fallimento. Questo dinamismo mentale lo sperimentiamo quando le nostre attese non sono soddisfatte e perdiamo la speranza, sì, quella legata ai sogni che ciascuno coltiva dentro di sé.

L’annuncio di Gesù riporta i discepoli alla realtà, anzi ne offre la chiave di lettura. La sofferenza appartiene alla biografia di ogni uomo, ma, anche se tutti ci accomuna e sembra essere la nota dominante della vita da cui non si può sfuggire, eppure essa non ha l’ultima parola che invece spetta all’intervento di Dio con il quale rivela il suo amore. Nel momento in cui assumo la Pasqua come il punto di vista della mia storia e di quella del mondo, allora la speranza non è legata alla realizzazione delle mie ambizioni ma è ciò che mi fa attraversare la prova prendendo la mano di Dio. Egli, come fa un buon padre ed educatore, mi guida verso il tempo del compimento. 

Signore Gesù, uomo di preghiera, insegnami l’arte del dialogo. Conducimi con Te nel deserto dell’intimità nella quale, spogliato di ogni vergogna e difesa, mettermi a nudo per lasciarmi nutrire della tua Parola e rivestire della tua forza. Tu conosci il mio cuore e le tante risposte a domande che non trovano modo di essere espresse se non quando tu stesso m’interroghi. Le tue domande danno voce ai dubbi nascosti nelle fasulle verità e nelle deboli certezze poggiate sulla terra friabile della mia volontà.

Aiutami a cercare e trovare il senso della vita tra gli enigmi della sofferenza e ad accogliere da Te la speranza affinché essa sia la luce necessaria per progredire nella carità anche nella notte oscura della fede.  

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 24 Settembre 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 24 Settembre 2021