don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 24 Novembre 2020

171
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La Carità genera il futuro 

Gesù, come già aveva profetizzato il profeta Geremia, annuncia la distruzione del tempio. Questa previsione suscita la curiosità dei discepoli circa la fine come se fosse uno spettacolo a cui assistere. La meraviglia con la quale decantano la bellezza dell’edificio rivela la visione della storia, come se fosse un dramma a cui assistere. A volte può capitare di essere rassegnati per cui la vita la vediamo passare davanti come le scene di un film. Siamo spettatori più che protagonisti.

Gesù in realtà, da vero profeta, rivela che nel dramma dell’uomo si consuma anche quello di Dio. Infatti, il Signore non è un avventore distante rispetto alle vicende dell’uomo, ma ne è pienamente partecipe perché lo ama di un amore fedele ed eterno e, in quanto tale, si unisce a lui per sempre.

La distruzione del tempio è profezia della morte di Gesù culmine dell’amore di Dio che non ha risparmiato suo Figlio, ma lo ha dato per tutti noi. 

Quando crollano le nostre certezze, vengono meno i nostri progetti, non dobbiamo cedere alla rassegnazione e lasciarci cadere le braccia. La paura non deve farci seguire coloro che si presentano come depositari di segreti e rivelatori del futuro. Nella prova la nostra unica certezza è la parola di Gesù, egli ha sconfitto la morte e con essa ha tolto di mano l’arma più velenosa dalla mano del nemico, il diavolo. Morendo ci ha liberato dalla morte e dal peccato e risorgendo ci ha spalancato le porte della vita eterna verso cui si dirigono i nostri passi.

Chi vive il suo presente, anche se difficile e doloroso, confortato, corroborato e sostenuto dalla speranza, genera il suo futuro rimanendo fedele a Dio e perseverando nella carità fraterna. Così facendo vive nell’oggi la primizia della beatitudine del domani.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!