don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021

23
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La fede combatte la paura, l’amore vince la morte 

«Come può costui darci la sua carne da mangiare?»; è legittima la domanda scandalizzata di chi ha ascoltato Gesù dire: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Le affermazioni di Gesù rimarrebbero enigmatiche e le sue condizioni irricevibili senza l’evento della croce. L’irrazionale acquista ragionevolezza. Cosa si rivela in quell’ora? L’uomo Gesù, fatto di carne e sangue, consapevolmente decide di realizzare la volontà del Padre, che risponde alla sola ragione dell’amore, fino alle estreme conseguenze. Avendo amato i suoi che erano nel mondo, sceglie di amarli «fino alla fine». L’amore di Dio per l’uomo è così forte da non essere frenato da nulla, neanche dalla morte. Davanti al pericolo di vita nell’uomo scatta l’impulso dell’auto conservazione e dell’auto difesa. L’amore di cui è capace arriva fino ad un certo punto; solo con Dio si può osare andare oltre le dichiarazioni d’intenti, come quella di Pietro che con arrogante sicurezza faceva professione di eroicità fino al martirio. 

L’ora della morte diventa il tempo nel quale Dio imbandisce il banchetto pasquale in cui offre sé stesso e invita a parteciparvi. Questa mensa festosa era stata anticipata profeticamente nei cinque pani e due pesci che sono il simbolo della persona di Gesù. Azzardando una lettura allegorica direi che i cinque pani indicano i cinque sensi del corpo umano. Gesù prende carne e sangue, elementi che sono propri della natura umana, benedicendoli li offre a Dio e poi li dona agli uomini. Il sacrificio di Cristo sulla croce per un verso è il compimento della volontà del Padre e dall’altro è l’inizio della vita nuova di Gesù e di tutti coloro che accettano di mangiare lui. Mangiare ciò che viene offerto da Dio non è solo un gesto di cortesia, ma un atto di fede. Gesù, vincendo l’angoscia con la fiducia riposta nel Padre, va incontro alla morte con libera consapevolezza di compiere un atto di amore grazie al quale avrebbe generato molti figli di Dio. È il Crocifisso risorto a rivolgersi ai suoi discepoli esortandoli, superate le resistenze opposte dai ragionamenti umani e dalle legittime paure, ad unirsi a lui nel sacrificio a Dio e per i fratelli. 

La fede è una sfida alla ragione umana che naturalmente rigetta l’idea di morire come quella di mangiare la carne e bere il sangue di una persona. La fede è l’esperienza nella quale l’ascolto della Parola di Dio permette di non fuggire dalla sofferenza e dalla morte, di non rifiutare l’idea di dover soffrire e morire, ma di entrare nel mistero della debolezza e della finitudine umana e viverlo come un evento di grazia. L’eucaristia è il viatico dei pellegrini, il pane che sostiene il viaggio verso la vita eterna nella quale non si è semplicemente l’uno accanto all’altro, ma l’uno per l’altro, l’uno nell’altro. La fede combatte la paura, l’amore vince la morte. 

Signore Gesù, tu che hai detto «mio cibo è fare la volontà di Dio» aiutami a superare le paure e le angosce legate ai momenti nei quali la vita mi appare un enigma incomprensibile perché con Te possa dire: «Eccomi Signore, io vengo per fare la tua volontà». Quando sono ferito da accuse ingiuste, umiliato da giudizi sommari, demotivato dall’ingratitudine, mortificato dai fallimenti, privato della possibilità di difendermi, vienimi vicino, abbracciami con la stessa passione con la quale hai aperto le tue braccia sulla croce e stringimi a te perché possa appartenerti per sempre. Vieni a vivere in me, abitami con la tua presenza, il mio corpo sia la tua casa. Donami fede per lottare contro la paura, la speranza per rialzarmi dopo ogni caduta e la carità per vincere la morte. 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Aprile 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Aprile 2021