don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 22 Febbraio 2021

57
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Le domande scomode dei «poveri Cristi» 

La festa liturgica che oggi celebriamo, chiamata della «Cattedra di san Pietro», è l’occasione per ringraziare il Signore per il dono di pastori e maestri che, guidati dallo Spirito Santo e nella misura in cui ispirano la loro azione al modello di Gesù Cristo, rendono presente il Buon Pastore. Egli si prende cura del suo gregge attraverso gli apostoli e i loro successori posti da Dio a custodire la porzione di Chiesa loro affidata. La gratitudine è già una professione di fede perché nasce da un cuore che, illuminato dallo Spirito, riconosce nei fratelli scelti da Dio coloro attraverso cui il Signore si fa nostro compagno di strada nella vita. 

Il Papa è chiamato Pontefice perché la sua identità si coniuga indissolubilmente con il suo ministero posto a fondamento, cioè a servizio della comunione con Dio e di tutta la Chiesa. A cosa servirebbe il ministero sacerdotale, che trova in Gesù la sua origine e la sua forma, senza il servizio alla comunione fraterna? 

«Chi dite che io sia?», la domanda di Gesù ci induce a fissare il nostro sguardo su di lui e ci spinge a esprimere in parole e gesti ciò che lo Spirito suggerisce al nostro cuore. La confessione della fede è suscitata dallo Spirito Santo ed è la risposta alla domanda che Gesù ci rivolge attraverso «i poveri Cristi» di questo mondo. La professione di fede che pronunciamo in Chiesa va rinnovata ogni qualvolta la vita del sofferente, del forestiero, del povero, del carcerato, interpella la nostra con forza: «Chi sono per te?». Quando ascoltiamo questa voce siamo costretti ad abbassare lo sguardo e a distoglierlo dalle nostre immaginazioni e illusioni per rivolgerlo verso quello che sta ai nostri piedi e che tuttavia è proprio quella umanità sulla quale poggiare l’impegno familiare, sociale e ecclesiale in nome della fede che professiamo. Pregando in Chiesa o nel segreto del cuore confessiamo la nostra fede riconoscendo in Gesù il Sommo Sacerdote misericordioso e credibile che riconcilia con il Padre. Nelle Chiese domestiche, santificate dal dolore e dalla fatica di uomini e donne, profumate di preghiera e cura fraterna, abbellite dalla tenerezza, siamo chiamati a confessare la nostra fede attraverso gesti di amore solidale e di comunione. 

Signore Gesù, ti ringrazio per il dono di pastori che profumano di umanità e che mi permettono di avvertire accanto a me la tua discreta e amorevole presenza. Ispira nel mio cuore il desiderio di scoprirti sempre di più per imparare da te a conoscermi e ad amarmi. Trasforma la mia rigidità in affabilità, le mie paure in speranze, i miei pregiudizi in curiosità. Aiutami ad accettare i duri colpi che portano via una parte di me o dei miei sogni perché ogni mortificazione tolga via da me tutto ciò che mi impedisce di essere servo per amore.