don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021

55
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Pastori, modelli del gregge

L’ultimo capitolo del Vangelo di Giovanni si apre con Simon Pietro che, tornato in Galilea, prende l’iniziativa di andare a pescare. Altri compagni si associano a lui, ma quella notte si rivela infruttuosa. All’alba Gesù si rivolge ai discepoli chiedendo se hanno pescato qualcosa e, ricevendo la confessione del loro fallimento, li invita a gettare nuovamente la rete dalla parte destra della barca. I pescatori, pur non riconoscendolo, obbediscono alla sua parola e le loro reti, prima desolatamente vuote, si riempiono di pesci senza rompersi. Il discepolo amato riconosce che lo sconosciuto sulla riva è il Signore e Pietro si getta in acqua tutto vestito per raggiungerlo prima degli altri. L’incontro con il Risorto diventa un banchetto in cui si condivide il pesce pescato e quello che già era stato preparato sulla brace.

A questo punto Gesù rivolge per tre volte la domanda a Simon Pietro non per interrogarlo e metterlo alla prova, ma per suscitare in lui una confessione di fede umile e consapevole. Nel cuore di Simone, figlio di Giovanni, la Pasqua ha già iniziato a fare il suo effetto. L’orgogliosa presunzione si trasforma nell’umile confessione del suo amore per Gesù. Passa dalla presuntuosa ricerca di ostentazione dei suoi meriti al più umile riconoscimento dei propri limiti. L’io dell’apostolo cede il posto al tu di Gesù che conosce tutto e sa fino a che punto lui riesce ad amarlo.

Finalmente Simone non nasconde la sua debolezza, ma è invitato a fare un passo in avanti, un passo dopo l’altro dietro Gesù. Il Risorto non vuole riaprire la ferita ricordandogli il suo tradimento ma gli restituisce la consapevolezza del proprio limite e contestualmente gli offre una prospettiva di speranza. La domanda di Gesù mira a ricollocare il discepolo alla sua sequela perché solo sulla via dell’amore, ricevuto nel perdono e offerto nel servizio ai fratelli, si può avere pace nel cuore. 

Signore Gesù, divino pescatore di uomini, renditi ancora presente sulle rive dei nostri mari avari di soddisfazioni nei quali sperimentiamo la frustrazione del fallimento perché, riponendo fiducia in te e credendo alla tua parola, possiamo gettare nuovamente le reti e gioire di una pesca abbondante. Ricordaci che non siamo stati noi ad amarti per primo, come se Dio dovesse darci il contraccambio, ma Tu ci hai amato per primo, sulla croce ti sei sacrificato per noi peccatori e ci hai preceduto sulla via della vita.

Buon Pastore dei tuoi discepoli, chiamaci ancora a raccolta e indicaci il cammino dell’amore dove trovare pascolo per nutrire la nostra speranza. Donaci il coraggio di non arrenderci alle sconfitte, l’umiltà di riconoscere di aver bisogno della tua Parola che guida, la fiducia nel seguirti sulla strada che noi non conosciamo ma che tu sai, perché Tu sei la via che ci riporta a casa, la Casa del Padre.

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 21 Maggio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 21 Maggio 2021