don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2021

18
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Con Gesù in cammino verso la Vita 

«Io sono il pane della vita». Dire vita significa alludere al cammino dell’esodo, che è non solo quello compiuto dal popolo d’Israele nel deserto, ma si riferisce anche al viaggio che ogni uomo percorre su questa terra e in questo tempo, che inizia quando viene concepito e termina con la morte. Dove conduce questa vita? La risposta non è già scritta perché dipende dalla nostra volontà, non da quella di Dio. Dipende, cioè, dal fatto che aderiamo alla volontà di Dio oppure ce ne infischiamo.

Il Padre ha inviato il Figlio perché in Lui vedessimo ciò per cui siamo stati creati, contemplassimo il sogno di Dio e liberamente decidessimo di credere in Lui. Credere vuol dire accogliere la proposta che Dio Padre fa mediante suo Figlio, seguirlo e imitarlo. Egli è storicamente venuto nel mondo una sola volta nascendo dalla Vergine Maria, morendo in croce sotto Ponzio Pilato e risorgendo il terzo giorno.

Da quel momento egli viene sempre incontro all’uomo perché la sua vita diventi eterna come quella di Dio. Egli viene appunto come «Pane di Vita» che sostiene il cammino dell’uomo non fino alla morte ma oltre la morte verso la risurrezione. La risurrezione dell’ultimo giorno è l’approdo del pellegrinaggio terreno insieme con Gesù. Insieme a Lui l’ultimo giorno non è quello della morte, ma quello della vita eterna. Essa non è da intendere semplicemente l’«al di là» perché la vita eterna inizia quando, nutrendomi di Gesù, pane di Vita, Lui entra nella mia vita attraverso la porta del Battesimo. Con Lui la vita di Dio si unisce a quella dell’uomo che l’accoglie e il suo cammino esistenziale da vagabondaggio diventa pellegrinaggio, esodo verso la libertà.

Signore Gesù, pane che sostiene nel pellegrinaggio della vita, vieni e dischiudi al mio sguardo il vasto orizzonte della vita eterna verso cui mi conduci. Aiutami a dare le spalle all’occidente, dove tramontano le speranze terrene e muoiono le attese deluse, per guardare a oriente da dove vieni a visitarmi sempre come sole che sorge dall’alto. Tu mi porti conforto e pace, la tua Parola mi fa riconoscere la voce del Padre che mi guida verso di Te e a Te mi invita ad unirmi. Grazie perché sempre mi accogli con amicizia e benevolenza. Solo in Te provo la gioia di essere veramente amato e sento nel cuore che già sono in Paradiso.

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 21 Aprile 2021
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2021