don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 20 Settembre 2021

59
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Uomini illuminati dalla fede e cristiani luminosi di carità

La logica pone le azioni in maniera correlata tra loro affinché insieme concorrano a realizzare il fine per il quale sono fatte. Quando si agisce in maniera meccanica, cioè senza pensare, venendo a mancare la logica, le azioni possono essere contrastanti tra loro al punto da vanificare il loro effetto. Per questo Gesù dice che nessuno che riflette su quello che fa e agisce perché pensa può, per esempio, accendere la lampada e poi coprirla con un vaso o metterla sotto un letto. Al contrario, all’accensione della lampada segue il gesto di metterla sul candelabro.

Se si accende una lampada lo si fa perché chiunque entra in una stanza possa vedere la luce. Non avere un fine per cui vivere significa essere privi di quel pensiero che guida e mette in ordine le nostre azioni legandole ad un senso. La parola di Dio ascoltata e accolta nel cuore non solo permette di scoprire la logica sottesa agli eventi della vita, soprattutto quelli più dolorosi e oscuri, ma permette anche di dare un senso ai gesti che si compiono e alle parole che si pronunciano.

La sofferenza e la morte di Gesù sono ordinati alla sua risurrezione. Nella Pasqua di Cristo il «segreto di Dio», ovvero il suo pensiero, il suo progetto, il Mistero del suo amore, viene manifestato perché tutti possano vedere e conoscere il volto del Padre, sperimentare il calore della sua misericordia e gioire per la luminosità della sua gloria. Ascoltare la Parola di Dio non significa solo ammirare la luce ma anche imitare Colui che ha detto di sé di essere la «luce del mondo».

Gesù ci chiede di monitorare la nostra capacità di ascoltare perché riusciamo ad assimilare la medesima logica di Dio per non cadere negli automatismi tipici di chi rinuncia a pensare o semplicisticamente fa suo il pensiero di altri, quello che lo gratifica di più. La fede è ricerca, approfondimento, riflessione, ricordo. Tutto questo ci fa crescere in libertà perché ci rende più consapevoli. L’ascolto della Parola di Dio accende in noi il desiderio di conoscere Dio e di diventare partecipi della sua luminosa carità. 

Signore Gesù, Luce del mondo che dall’alto della croce splendi di gloria e di amore, dirada le tenebre del peccato e mostra il volto del Padre per confortare gli smarriti di cuore, per dare senso nuovo alla vita, mettere ordine negli affetti e nelle abitudini. Tu, che aprendo le braccia sulla croce hai tracciato la strada per il ritorno alla Casa del Padre, introduci tutti i tuoi fratelli nel mistero della volontà di Dio per conoscere con il cuore quanto grande è il suo amore per i suoi figli. Fa che l’ascolto della tua Parola non sia distratto e superficiale ma la luce della fede illumini la mia mente perché, meditandola nel cuore, impari a passare dall’ammirarti all’imitarti e dal parlare di pace ad essere operatore di pace.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Settembre 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 20 Settembre 2021