don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2020

111

Servire infinito presente del verbo amare

Martedì della XXIX settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

Le vesti strette ai fianchi è l’abbigliamento di chi è in cammino o che offre un servizio come lo è il discepolo di Gesù. Il servizio per il cristiano non è una prestazione occasionale ma è uno stile permanente di vita che acquisisce strada facendo seguendo Gesù. 

La cupidigia, ovvero l’attaccamento ai beni materiali, induce ad accomodarci, a rifuggire la fatica e le rinunce per costruire relazioni autentiche con gli altri. L’amore responsabile richiede piuttosto di scomodarci, rischiare, lasciare le false sicurezze per andare incontro ai fratelli nei loro bisogni. Tuttavia, l’amore agli altri sarebbe un’emozione passeggera e il servizio un’esperienza di contratto a termine se non fossero alimentati dal desiderio d’incontrare il Signore. Il servizio supera la prova della delusione e della paura e l’amore diventa una scelta fondamentale di vita da cui derivano tutte le altre opzioni, se il suo primo e ultimo destinatario è Gesù. 

La Parola di Dio è la lampada che il cristiano deve tenere accesa perché illumini la mente per discernere le povertà del nostro tempo, rischiari il cuore per confortarlo nella notte della prova, posta in alto, permetta di vedere al di là dei nostri limiti e infonda speranza. 

Il desiderio d’incontrare Gesù alimenta in noi l’amore a Lui. Se siamo pronti ad aprire il cuore allo Sposo che bussa, che chiede di accoglierlo e che ci parla, soprattutto nei poveri, sperimenteremo la dolcezza della sua ospitalità. Il Signore viene a salvarci non a giudicarci; come tale il Salvatore, lo Sposo dell’umanità, si presenta nei panni del Servo dei servi affinché possiamo scoprire che l’amore è servizio, che non c’è altra via per la felicità che quella del prendersi cura degli altri e che il ministero non è un lavoro da compiere o un compito da svolgere o ancora un precetto da assolvere, ma è un dono da condividere con gioia, è la festa da vivere insieme a Dio e ai fratelli.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!


Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]