don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2020

259

Il cammino del Vangelo: azione di Dio, reazione del discepolo, narrazione del testimone

Sabato della XV settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

C’è chi, come i farisei, rifiutando l’invito di Gesù alla conversione, prendono le distanze da lui e chi invece lo ascolta e lo segue. I primi, refrattari alla voce di Dio che parla attraverso i profeti ma che presumono di essere gli interpreti fedeli della legge, condannano persone senza colpa, i secondi, riconoscendo di aver bisogno di salvezza, si lasciano guarire da Gesù.

Gesù non crea partiti che si contrappongono l’uno all’altro; infatti, per non essere motivo di scandalo e di ulteriore divisione, preferisce allontanarsi. Chi sceglie di seguire Gesù opta per un cammino di conversione in cui inizia a sperimentare la guarigione interiore. Si tratta del cambiamento del modo di pensare e di conseguenza anche di agire. I tempi della conversione sono lunghi e chi sceglie di seguire Gesù sperimenta da subito la consolazione del cuore. Istintivamente si sarebbe portati a passare subito alla fase del fare, del testimoniare, del raccontare agli altri quello che di bello si è sperimentato e si sta vivendo. Gesù sembra frenare questo iniziale entusiasmo per riportare i discepoli nel solco dell’azione pedagogica di Dio che alle parole preferisce l’eloquenza silenziosa delle opere di misericordia. 

Nel cammino di conversione il primato spetta all’azione di Dio a cui segue la reazione dell’uomo e infine la sua narrazione. Vana e controproducente sarebbe quella predicazione che non nasce dalla relazione con Dio che, usando misericordia, ci guarisce e dalla relazione fraterna intessuta di misericordia donata reciprocamente. 

Senza l’esperienza della misericordia, ricevuta e offerta, la cui caratteristica è la discrezione e l’intimità, la predicazione si trasforma in provocazione moralistica che, invece di favorire la comunione, crea divisione e contrapposizione. Se il cammino di conversione è seguito fedelmente dietro Gesù, senza fughe in avanti che finiscono inevitabilmente per causare rovinose cadute con annesse battute d’arresto, la narrazione non sarà fatta tanto di parole come se fosse una cronaca, ma sarà offerta mediante le opere di carità attraverso le quali l’azione misericordiosa di Dio diventa attuale anche per i lontani, come i raggi del sole lambiscono anche le terre più remote.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore.


Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]