don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2021

83
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Beati i liberi di cuore perché porteranno gioia

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 6, 19-23

Due messaggi vengono offerti oggi attraverso le parole di Gesù. Da una parte il Maestro rivolge l’invito a investire bene le risorse della vita perché essa non vada perduta. Dall’altra bisogna verificare i nostri desideri e cioè in quale direzione ci portano. L’immagine dell’occhio come lucerna suggerisce il fatto che se cerchiamo il volto di Dio e ci lasciamo illuminare da Lui, allora tutta la vita è avvolta da una luminosità che la rende bella come quella dell’oro, simbolo della santità.

San Pietro ricorda: «dovete splendere come astri nel cielo in mezzo ad una generazione degenere». Il mondo in cui viviamo ci spingerebbe a essere egoisti e ricercare il piacere nella soddisfazione degli istinti. Questo tipo di logica crea competizione e aggressività al punto spesso di farci esclamare amaramente: «che brutto mondo!». In realtà il mondo è privo di colore, sapore, luminosità senza il nostro impegno a colorarlo con l’amore fraterno, a dargli sapore con la cura reciproca, a dargli luminosità portando Dio.

La sfida entusiasmante dell’uomo non è la gara a chi accumula beni materiali con avidità, ma a chi rende il mondo che abita migliore di come lo ha trovato. La vera ricchezza non consiste nel possedere cose che la morte trattiene e consuma, ma nel crescere nella relazione con Dio, il vero tesoro che nessuno può strapparci o può corrompere. Quando tutto ciò che facciamo è finalizzato alla comunione con Dio e tra di noi costruiamo il mondo migliore che desideriamo, il regno di Dio di cui siamo principi.

Signore Gesù, ricco di misericordia da cui tutti gli uomini possono attingere la grazia del perdono e della riconciliazione, donami un cuore libero da ogni attaccamento alle cose della terra, passeggere e caduche, e ispira in esso il desiderio sempre più crescente dei beni del Cielo.

Con il tuo aiuto possa rompere i meccanismi perversi del pensiero che elabora progetti mossi dall’avidità e coltivare invece gli ideali e il sogno del Vangelo per fare del mondo in cui abito da pellegrino il «sagrato» accogliente che introduce gli uomini nel tuo Tempio del cielo.

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2021
Articolo successivoCommento al Vengelo del 18 Giugno 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini