don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021

96
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Il pericolo di essere credente «ateo»

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 6, 24-34

Arrivano momenti in cui bisogna fare delle scelte e il compromesso non è tra le possibilità perché significa rimanere in quella zona di neutralità simile alla disgustosa tiepidezza stigmatizzata dal libro dell’Apocalisse («non sei né freddo né caldo, siccome sei tiepido, cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca»). C’è una sottile forma d’ipocrisia che si manifesta nell’adattarsi come i camaleonti alle situazioni senza avere una propria personalità. Se si agisce per convenienza a partire da ciò che piace saremo, a seconda delle situazioni, tutto e il contrario di tutto. C’è chi pretende di poter fare tutto e di esserci in ogni situazione per rendere culto al proprio io, anche se lo chiama servizio.

Quando ci si trova a dover decidere se fare una scelta che denota l’appartenenza a Dio e alla Comunità o quella che realizza qualcosa di piacevole e gratificante, si sceglie la seconda se non c’è alle spalle un vero cammino di fede. Non si possono infatti servire contemporaneamente due padroni, Dio e l’«io». Se si ama Dio, sacrificando il proprio io facendone un dono al Cielo, si arriva ad amarsi veramente; al contrario se ci si illude di servire Dio incensando il proprio «io», si arriverà al conflitto d’interesse. Come ci accorgiamo di idolatrare il nostro «io»? Quando ci preoccupiamo della vita come se Dio non ci fosse o come se l’amicizia con Lui non fosse gratificante. Gesù ci invita a non affannarci a rincorrere le lucciole dell’ambizione personale, a riporre sicurezze in qualcosa di fragile, a ricercare la gioia in ciò che crea solo dipendenza.

Abbiamo già ciò che ci è necessario per vivere perché ci viene donato, tuttavia il lavoro che ci spetta non è quello di creare dal nulla le cose, ma di coltivare e prenderci cura di quello che Dio stesso ci offre. Preoccupiamoci non delle cose, ma delle persone con le quali entriamo in relazione, sono esse infatti il dono più bello che la vita può offrirci.

Signore Gesù, tu che hai offerto il tuo cuore indiviso al Padre per la vita di tutti noi, tuoi fratelli, donami lo sguardo sereno e fiducioso di chi, come Te, è libero dall’ansia dietro cui si nasconde il pericolo dell’ateismo pratico e del culto al proprio «io». Insegnami a mettermi al servizio del regno di Dio piuttosto che servirmi delle persone e delle cose per la soddisfazione del mio egoismo. Donami il gusto della gratitudine che riconosce già ora nei piccoli semi immersi nella vita quotidiana il frutto della gioia, festa della comunione dei Santi.

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021
Articolo successivoContemplare il Vangelo di oggi 19 Giugno 2021