don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2021

58
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Beato l’uomo che confida nel Signore 

I discepoli credono che Gesù sia un vero profeta, un uomo che viene da Dio, perché conosce in anticipo il suo futuro e apertamente rivela il suo destino. Essi rimangono colpiti del modo con il quale Gesù parla della sua morte. Lo fa con una pace del cuore che i suoi discepoli confondono con una serena rassegnazione. Gesù specifica che la sua pace non deriva dal fatto di sapere quale sia la sua fine ma dalla certezza che, pur avvertendo drammaticamente l’umana solitudine dovuta all’abbandono dei suoi nel momento della prova, egli è certo che il Padre non lo lascia da solo. 

Credere non significa avere consapevolezza di una verità anche se scomoda e difficile da accettare perché per quanto possiamo sapere di un evento ineluttabile possiamo arrivarci impreparati, proprio come capita ai discepoli di Gesù perché essi si fidano troppo di sé. La consapevolezza che traspare delle parole di Gesù non poggia sulla fiducia riposta in sé o negli altri, ma solamente in Dio. Solo Lui rimane fedele perché resta l’unico sostegno nell’ora della tribolazione. La rivelazione di Gesù non trova il suo apice né nella sua scienza né nella sua coscienza, ma nell’amore eterno del Padre. La pace di Gesù nasce dal rimanere unito al Padre soprattutto nell’ora della tribolazione. Quella sarà la testimonianza e la rivelazione più vera di Gesù. Da lì i discepoli devono attingere la pace per rimanere uniti a Dio anche nel momento del dolore. Allora la fede si coniuga con la carità perché credere significa rimanere uniti nel dolore anche quando la sofferenza dell’altro è colta come una minaccia per sé. Gli apostoli subiranno la stessa sorte di Gesù e anche noi quando siamo tribolati nella vita possiamo avere l’impressione di essere soli e abbandonati perché in realtà trasferiamo in Dio quel sentimento di ripulsa per il dolore che ci fa scappare e allontanare da chi soffre.

Credere non significa aver compreso tutto ma, proprio quando si ha l’impressione di non aver capito nulla e di essersi sbagliati o illusi, cercare con tutte le proprie forze il volto di Dio e coltivare il desiderio di sperimentare la medesima consolazione che ha sostenuto la fiducia di Gesù nei confronti del Padre fin sulla croce. 

Signore Gesù, consolatore degli afflitti e rifugio di chi spera in te, donami il tuo Spirito di scienza e timore di Dio perché, riconoscendo con umiltà che la mia conoscenza è fallace e la mia fede è debole, non confidi nella mia coscienza o nell’aiuto degli altri, ma nell’amore del Padre forte e resistente come la roccia. Nell’ora della tribolazione, quando la tristezza che intossica l’anima non è altro che il dolore per i miei progetti falliti, donami la pace che illumina gli occhi del cuore perché riconosca nella sofferenza la via che, oltre la morte, conduce alla gioia piena e alla dimora eterna preparata dal Padre per me da sempre. 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 17 Maggio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 17 Maggio 2021