don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2020

57

Chi cerca Dio trova sé stesso

Santi Cornelio e Cipriano

Ci sono alcuni che credono di possedere la conoscenza e disprezzano gli altri o fanno in modo di umiliarli. Questa è la sorte toccata a Giovanni Battista e a Gesù, veri figli di Dio, discepoli della Sapienza. Ciascuno a suo modo ha evangelizzato anche se entrambi hanno incontrato molte resistenze soprattutto da coloro che avrebbero dovuto ascoltarli e comprenderli. Giovanni Battista con la sua estrema sobrietà e Gesù con la sua amorevole prossimità, hanno testimoniato la giustizia di Dio. 

Il Signore si fa prossimo e ci parla in tanti modi e in tutte le situazioni, sia piacevoli che spiacevoli. Il linguaggio, anche se assume il tono grave del lamento o quello dolce dell’esortazione e della promessa, comunica sempre il suo amore fedele ed inesauribile.

Non basta conoscere Dio ma è necessario saperlo riconoscere. La diffidenza ci ruba la gioia dello stupore e ci blocca negli slanci di generosità che invece genera la fiducia. Chi non spera nulla che vada al di là di ciò che attende non riesce ad entrare in empatia con il mondo che lo circonda che invece gli apparirà sempre ostile.

Riconoscere Dio presente nella vita significa amarlo e cercarlo nei volti e nelle storie delle persone che incrociamo, come l’amata che, desiderando il suo sposo, non lo attende passivamente se tarda ma si mette in cammino spinta dal bisogno d’incontrarlo. 

La conoscenza gonfia di orgoglio mentre la carità edifica, ricorda san Paolo nella Prima lettera ai Corinti cap. 8. L’amore ci spinge a conoscere sempre meglio l’amato e chi cerca Dio, trova finalmente se stesso.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!


Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]