don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021

62
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

L’ipocrisia accende la competizione, l’umiltà genera la fraternità

Ascoltando il rimprovero che Gesù rivolge alle autorità potremmo provare un certo senso di soddisfazione per il fatto di sentirci interpretati nel nostro sentimento di diffidenza nei confronti delle istituzioni. In realtà l’ingiustizia stigmatizzata, e che si annida tra le alte sfere del potere, è presente in maniera strisciante anche tra il popolo, tant’è che la gente che si raduna attorno a Gesù si calpesta vicendevolmente. Non sono solo i potenti che si fanno guerra ma anche i poveri fanno la lotta l’uno contro l’altro.

Questo è più drammatico quando sono i discepoli di Gesù a conformarsi alla mentalità comune e, gonfiandosi d’orgoglio, si giudicano puntandosi il dito a vicenda senza alcun rispetto e prudenza. Ipocrita è colui che nasconde dietro la formale appartenenza alla comunità, espressa attraverso l’espletamento di qualche mansione, l’ambizione personale e il suo astio verso gli altri fratelli seminando zizzania e provocando divisioni e fazioni. A volte la lingua degli uomini è talmente tagliente da uccidere moralmente e portare gli altri ad essere esclusi o ad escludersi dalla comunità. Il pettegolezzo è il lievito marcio che corrompe la comunità.

Chi ne è vittima non deve temere gli uomini né scoraggiarsi a continuare a fare il bene, ma deve confidare nel Signore che non abbandona nessuno dei suoi figli e che dà la forza necessaria per resistere alla tentazione della ritorsione e della vendetta. Seguire questa logica significa lasciarsi inghiottire dalla spirale della violenza che non lascia scampo. 

Signore Gesù, che ci chiami amici tuoi, perdonaci per tutte quelle volte che dimentichiamo che essere tuoi discepoli non significa competere per occupare i posti migliori e di prestigio ma mettici in guardia dall’orgoglio che è la vera bestia nera da combattere. Aiutaci a diventare più autentici senza nascondere dietro la maschera del perbenismo i pregiudizi verso i fratelli, i sentimenti di rivalsa contro quelli che riteniamo nemici e le intenzioni malvage che strisciano silenziosamente dentro di noi come serpenti e che avvelenano i rapporti con il pettegolezzo, le illazioni e le calunnie.

Donaci la fiducia e l’umiltà di confessare i pensieri malvagi di cui vergognarsi per non cadere nel tranello dell’ipocrisia. Conforta i cuori affranti dalle ingiustizie e consola chi soffre per le tribolazioni affinché possa avvertire il calore di una mano amica che sostiene nella debolezza e la forza di una voce familiare che guida nella notte oscura della prova e dell’aridità spirituale. 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 15 Ottobre 2021