don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2021

190
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Aggrappati alla Speranza 

Un uomo, spinto dalla speranza nell’intervento tempestivo di Gesù, lo implora di guarire suo figlio moribondo prima che giunga la morte. Le prime parole di Gesù suonano quasi come un rimprovero rivolte a quel povero uomo un po’ come era accaduto con sua madre durante le nozze di Cana. In realtà il Signore ci rimanda alla nostra miopia spirituale per la quale nella disperazione ci aggrappiamo ai miracoli. La fede, necessaria per attraversare le ore più buie della vita, non si poggia sui segni e prodigi ma nasce e si alimenta con l’ascolto della Parola di speranza. Gesù annunciando il Vangelo all’uomo che lo supplica gli apre gli occhi del cuore perché veda l’opera di Dio: «Tuo figlio vive!». L’annuncio è al presente perché la parola di Dio è attuale e attiva. La parola del Vangelo è attuale perché illumina l’ oggi ed è attiva perché inizia un dinamismo di guarigione che non riguarda solo la vita del figlio moribondo ma anche la fede del papà disperato fino a coinvolgere tutta la famiglia. 

L’uomo, che era andato da Gesù, per fede si mette in cammino sostenuto dalla speranza di vedere il figlio vivo. Prima che giunga a casa per contemplare con i propri occhi il prodigio della guarigione viene raggiunto dall’annuncio che conferma il vangelo proclamato da Gesù. L’evangelista, attraverso la narrazione, vuole mettere in luce che la fede è un cammino. Esso parte dall’ascolto del Vangelo che accende nel cuore la speranza, viene sostenuto dalla testimonianza dei fratelli e giunge a riconoscere vera la parola di Gesù anche prima di aver veduto i segni della sua efficacia. 

La vicenda ci insegna a vivere la fede come un cammino di speranza aggrappati non più ai prodigi ma alla parola di Dio.

Signore Gesù, Figlio del Dio vivente, all’uomo affaticato e stanco che cerco punti di appoggio nel suo cammino, offri la luce della tua Parola. Lungo la strada capita di smarrirmi perché i punti di riferimento che credevo certi si sono rivelati precari e inaffidabili. Vieni in mio soccorso anche quando, disperato, sembro metterti alla prova chiedendo un segno della tua provvidenza. Credendo mi aggrappo a te che sei l’amore certo come l’alba dopo la notte, vero come il grembo che mi ha generato, efficace come la cura per il malato che si salva.  

Articolo precedentedon Franz Pesce – Commento al Vangelo di domenica 14 Marzo 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 15 Marzo 2021 – Don Francesco Cristofaro