don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020

127

Il vero guaio è pensare di salvarsi da soli

Mercoledì della XXVIII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

Il vangelo di Luca è puntellato di beatitudini ma anche di «guai». Sulla bocca di Gesù e degli uomini appaiono espressioni di lode nei confronti, per esempio, di Maria. Ella, piccola fanciulla di Nazaret, è chiamata beata da Elisabetta perché ha creduto alla parola di Dio e il figlio stesso sembra indicarla come modello del discepolo che mette in pratica il vangelo. La beatitudine del discepolo di Cristo, come quella di Maria, poggia sulla capacità di cucire, mettere insieme l’amore a Dio e ai fratelli, armonizzare la volontà propria e quella divina. In questa trama di relazioni di cura si tesse la tela della propria vita in cui non emerge il proprio “io” egoista ma viene generato il “noi” di coloro che si amano, della comunità. 

Il «guai» non è una condanna ma una parola che diagnostica il male che minaccia la nostra vita e che mette in pericolo anche quella degli altri. Il male non curato diventa contagioso, diffondendosi senza che ce ne accorgiamo. Il peccato è subdolo e sa ben truccarsi per apparire bene. Gesù lo denuncia chiaramente indicandolo nella presunzione di sostituirsi a Dio e di salvarsi da sé. I farisei incarnano l’atteggiamento di chi vede senza voler essere visto, giudica senza voler essere giudicato. Amare i primi posti e i saluti significa mettersi in mostra per ricevere onori e riconoscimenti. Mettersi in mostra è cosa ben diversa dal farsi vedere, cioè dall’incontrare e farsi incontrare da Dio. 

La beatitudine è generata dall’incontro in cui si ama l’altro e ci si lascia amare, nel quale si intercetta il cuore dell’altro e ci si lascia leggere dentro dall’altro. Il guaio è quando ci si scherma, ci si nasconde non accettando di essere visti interiormente. Le parole di Gesù svelano il sommerso che è nel cuore dell’uomo che, non accettando di essere oggetto di cura, si nasconde dietro la ritualità dei gesti o la rigida formalità delle norme.

Con il salmista potremo riconoscere la salutare azione della Parola che, come spada a doppio taglio, entra in profondità non per offendere, ma per guarirci: «Bene per me se sono stato umiliato, perché impari ad obbedirti» (Sal 118, 71).

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!


Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]