don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 13 Luglio 2021

34
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

È tempo di conversione

Nelle parole di rimprovero, che Gesù rivolge agli abitanti dei paesi dove più numerosi erano stati i prodigi da lui compiuti, vi leggiamo emozioni di profonda tristezza e rabbia davanti alla loro indifferenza e superficialità. Gesù si lamenta perché a fronte di tanta misericordia la gente non si converte per compiere la vera giustizia. Isaia, mediante l’immagine della vigna, racconta di quanta cura Dio abbia impiegato per fare d’Israele un popolo.

Invece di gioire intona un triste lamento perché si aspettava che producesse frutti buoni di giustizia e invece ha fatto il male. La rabbia di Gesù non è dettata tanto dalle offese a lui arrecate, quanto dall’indifferenza che ha reso il cuore di quella gente impermeabile alla grazia di Dio e refrattario ad ogni cambiamento interiore. Senza l’aiuto di Dio non si può crescere e portare frutto e, se c’è, esso è immaturo e facile a corrompersi. Se l’amore che unisce due sposi o il legame di amicizia che mette insieme le persone di una comunità non sono alimentate costantemente dalla fede difficilmente si esce indenni dalle crisi.

Chi non progredisce, inevitabilmente regredisce, attirato nel vortice del male a cui non riesce a resistere senza la fede. Il primo frutto della conversione è la fede con la quale affrontiamo le difficoltà della vita che, senza di essa, ci travolgerebbero. La delusione di Gesù interpreta anche quella di chi ama per rendere felice la persona amata ma si ritrova a doversi difendere proprio da coloro che sono stati aiutati.

Il rimprovero non è una minaccia ma un estremo tentativo di far aprire gli occhi a coloro che sono accecati dall’orgoglio perché si rendano conto che l’estromissione di Dio dalla propria vita, nei fatti e non solo a parole, immette direttamente sulla strada del fallimento completo. L’avvertimento di Gesù non è una condanna già scritta ma una severa esortazione a vivere il tempo che rimane per vivere su questa terra dando seguito all’opera di guarigione che Dio ha iniziato in noi con la grazia dei sacramenti.  

Signore Gesù, segno dell’amore di Dio provvido e misericordioso, ti ringrazio per il rimprovero che oggi mi rivolgi perché mi scuota dall’indolenza e dall’ipocrisia di chi cerca segni ma non si lascia convertire per diventare a sua volta nel mondo segno del tuo amore. Apri gli occhi del cuore perché possa riconoscere nel tempo della mia vita terrena i segni della tua presenza amichevole e accogliere il dono di grazia che dà una forma nuova alla mia mente. La forza del tuo Spirito mi converta dalle abitudini cattive, che minano le relazioni, verso atteggiamenti di apertura fiduciosa alla Parola di Dio e di umile disponibilità verso i fratelli.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 13 Luglio 2021 – Mt 11, 20-24
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 13 Luglio 2021