don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 12 Luglio 2021

31
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Dove finisce l’innamoramento inizia l’amore

Le parole di Gesù mettono in crisi. In fondo, proprio per questo usa l’immagine della spada che non è sinonimo di guerra. Gesù dice chiaramente che è venuto a portare la spada e chiarisce che la funzione della spada è quella di separare o recidere. La lettera agli Ebrei afferma che «la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore» (Eb 4,12).

Il Maligno è illusionista perché, confondendo la mente, scambia la realtà con l’immaginazione. Una forma d’incredulità è convincersi che Dio coincida con l’idea che ho di Lui. ora, se l’idea è deformata, lo sarà anche la realtà che credo di conoscere. Gesù mette in crisi perché vuole fare chiarezza. Egli non è venuto per realizzare i nostri ideali ma per compiere la volontà di Dio. C’è in realtà una falsa pace che genera vere e proprie guerre e sani conflitti da cui nasce l’autentica pace, che è la comunione. Essa riguarda le relazioni con Dio, con gli altri e con sé stessi. La fede in Cristo, affinché possa aiutare a farci maturare come persone e ad educarci ad amare veramente, deve necessariamente mettere in crisi schemi mentali basati sulla immaginazione piuttosto che sulla realtà.

Fin quando non finisce la fase dell’innamoramento non può iniziare e svilupparsi quella dell’amore. Nell’innamoramento si è molto autocentrati e verso l’altro si proiettano i propri sogni, ovvero l’immagine della realtà che piacerebbe vivere. Separare significa distinguere tra l’io e il tu per far emergere più nitida dall’ombra dell’immaginazione l’identità dell’altro, sia nella sua dissomiglianza da sé sia nella somiglianza al volto di Dio. Amare Gesù vuole dire privilegiare nelle scelte l’impegno a seguirlo per diventare come Lui. Non è degno di Lui chi antepone i propri interessi a quelli di Dio.

Se, dimentico di me, lo cercherò con tutto il cuore, lo troverò, garantisce Gesù, nel profeta che mi porge la parola di Dio, anche se scomoda e dolorosa da accettare, lo riconoscerò nel giusto che mi dischiude, soprattutto attraverso la sua sofferta fedeltà, l’orizzonte dell’amore di Dio più ampio dei miei piccoli sogni o ancora l’incontrerò nell’anonimo e povero benefattore che, potendomi offrire solo un bicchiere d’acqua, mi farà sentire la vicinanza amichevole di Dio anche nel tempo dell’aridità.

Signore Gesù, la tua Parola come lama di luce, che si fa spazio tra le nubi delle mie alterne e cangianti emozioni, penetri nel profondo del mio cuore e faccia chiarezza nel groviglio dei dubbi e delle certezze. Il tuo Spirito rafforzi la mia fede perché nelle vicende della vita, soprattutto quelle che si discostano dai miei progetti, possa sempre riconoscere il sentiero della volontà di Dio, avere il coraggio di intraprenderlo e sentire il conforto della tua compagnia nel portare quotidianamente la mia croce insieme a Te e ai miei fratelli.

 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 12 Luglio 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 12 Luglio 2021