don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 12 Gennaio 2021

48
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Con Dio sono consentiti solo rapporti non protetti

L’evangelista Marco introduce la prima giornata della missione di Gesù nella sinagoga di Cafarnao dove insegna con autorità. Non possiamo negare la poca stima che generalmente gode chi insegna perché non abbiamo in giusta considerazione il valore della parola. Questo accade non perché manchino le parole ma perché esse spesso sono prive della parola, cioè sono insignificanti. C’è una inflazione di parole, non accompagnate dai fatti, che chi le pronuncia può essere vittima di un pregiudizio per il quale esse scivolano senza lasciare traccia in coloro che le sentono. Tante sono le parole che sentiamo, ma quante di esse sono significative, cioè lasciano il segno o, come direbbero rabbini per indicare che un testo è sacro, sporca?

Se è vero che ci si accorge subito se le parole che una persona pronuncia sono generate dal proprio vissuto o sono la ripetizione di luoghi comuni che, passando di bocca in bocca, perdono di credibilità o addirittura suscitano fastidio, è altrettanto vero che perché la nostra parola sia significativa dobbiamo lasciarci ferire da essa. C’è un bisogno innato in ciascuno di noi di nutrirci non solo di cibo ma anche di senso, perché il primo riempie lo stomaco per un po’ di tempo, mentre il secondo sazia l’interiorità. Per cui l’insegnamento sarà riconosciuto autorevole innanzitutto se chi parla lo fa col cuore, con l’intenzione non semplicemente di offrire una prestazione esprimendo il proprio pensiero, ma un servizio attraverso la narrazione di sé e la condivisione del proprio vissuto.

La parola di Gesù è autorevole perché ha la forza di scuotere la polvere del perbenismo formale e mettere in luce tutti i vincoli e legami insani che ci rendono schiavi, incapaci di essere significativi. La Parola di Dio, non è miele, ma è sale, che va ben dosato, ma che purifica, contrasta il processo corruttivo del vizio. Comprensibile la reazione rabbiosa dell’uomo frequentatore della sinagoga che per la prima volta è raggiunto dalla Parola di Dio e che chiede conto di quale relazione ci possa essere tra lui e Gesù. Satana reagisce in modo scomposto davanti alla luce che svela il gioco sporco della falsa religiosità.

Satana è un praticante non credente! Come lo è chiunque rifiuta di coltivare la propria interiorità, cioè la relazione significativa col Signore e si nasconde dietro l’attuazione delle pratiche rituali prescritte dai comandamenti che fungono da muro di gomma contro cui rimbalza la Parola di Dio. Quando si ascolta la Parola di Dio è necessario vivere come una coppia di sposi che fanno l’amore aprendosi insieme alla possibilità di generare la vita e accogliere un figlio. Così deve essere l’uomo liberato dalla paura dell’”incongnita” della Parola di Dio. Dove c’è fiducia, apertura e accoglienza dell’altro, la sua parola non giunge come un giudizio o un’accusa oppure come un obbligo imposto dall’alto, ma come luce che conforta, come balsamo che scioglie le rigidità, come acqua che ristora. 

Signore Gesù, come nella sinagoga di Cafarnao, ascoltando la tua parola, anche io vorrei chiederti: Quale relazione c’è tra me e te? Taccia la voce della paura che mi porta a imputare a te i miei fallimenti come se fossi sempre lì a puntarmi il dito per giudicarmi, condannarmi e ostacolarmi nelle mie aspirazioni. Possa intrattenermi con Te come la sposa col suo sposo perché, aperto ad accogliere il dono dello Spirito Santo, insieme ai fratelli possa realizzare la prima benedizione di Dio all’uomo: ama e genera la vita!

 

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!