don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 10 Marzo 2021

174
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La grandezza dell’amore è nel dettaglio 

Gesù sembra mettere in chiaro una cosa che potrebbe creare un fraintendimento: egli non è il fondatore di una nuova religione ma è venuto per portare a compimento il progetto di Dio e a perfezionare l’alleanza tra il Creatore e la Creatura. Come testimoniano le Scritture il Signore Dio ha voluto liberamente e gratuitamente legare la sua vita alla nostra affinché potessimo imparare l’arte dell’amore e così vivere eternamente come eterno è il suo amore per noi. 

Il regno dei cieli non è una realtà utopica ma ciò che Dio vuole edificare ogni giorno con l’uomo. Si tratta della vita nuova, quella che profuma di santità la cui fragranza è l’amore fraterno. Il segreto dell’amore eterno sta nella fedeltà alle piccole cose della vita fraterna. L’attenzione ai particolari fa di una relazione personale un legame di amore autentico. Chi sa cogliere nelle sfumature di un sorriso, nel tono della voce, nelle gradazioni della luce degli occhi della persona che incontra qualcosa del suo mondo interiore e si accompagna a lui offrendogli la possibilità di condividerlo testimonia che esiste un Amore vero ed esso può essere trovato nelle pieghe e nelle piaghe della vita quotidiana.

Signore Gesù, silenzioso compagno nel cammino della mia vita, negli anni trascorsi a Nazaret hai imparato il valore dei piccoli gesti quotidiani attraverso i quali hai assimilato l’amore e il senso della giustizia. Insegnami a rallentare la corsa dei giudizi e a soffermarmi sui dettagli, porta di accesso per contattare il cuore dei miei fratelli e sorelle, intercettare le loro istanze, condividere i loro sentimenti e vivere la solidarietà fraterna. Parla tu attraverso il mio silenzio attento, consola tu attraverso il mio contatto discreto, guarisci tu attraverso il mio sguardo semplice e amicale. 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 10 Marzo 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 10 Marzo 2021 – Don Francesco Cristofaro