don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2021

103
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La bottega del falegname, laboratorio di vita e di fede 

Gesù è individuato come il «figlio del falegname». Per la gente di Nazaret Giuseppe è indentificato con il suo lavoro per dire che le competenze che si aspettavano di vedere in Gesù erano quelle imparate alla bottega del padre. Essi si stupiscono che invece Gesù sia capace di offrire insegnamenti autorevoli e di fare prodigi.

I paesani di Gesù rimangono scandalizzati perché non sono capaci di fare una vera sintesi tra fede e vita. È come se la Parola di Dio, e i segni da essa prodotti, appartenessero ad una sfera altra rispetto a quella della vita ordinaria. Quello che potrebbe suonare come un disprezzo è per Gesù un onore perché le sue parole e i suoi gesti rivelano la carica altissima di umanità in essi contenuti. Gesù ha imparato alla bottega del padre che la vita è un continuo laboratorio e che la fede è esperienza attraverso la quale si scopre sempre di più l’amore di Dio e la propria vocazione ad amare.

Nel vangelo non si riporta nessuna parola di Giuseppe ed è facile immaginare anche che i lunghi silenzi, accompagnati dal suono della pialla o dello scalpello, siano stati i momenti più intensi nei quali Gesù ha imparato a dare valore alle parole e ai gesti mettendoli insieme in una relazione di coerenza. L’autorevolezza del suo insegnamento deriva dal rapporto di consequenzialità tra il dire e il fare, proprio come è sottolineato nel primo racconto della creazione in cui Dio realizza quello che dice.  

Signore Gesù, figlio del falegname, tu che alla bottega di Giuseppe hai imparato ad usare ingegno e creatività perché ciò che era destinato ad essere gettato potesse avere una seconda vita, insegnami a non disprezzare nulla di quello che mi viene quotidianamente donato dal Cielo e donami la sapienza necessaria perché generosamente e gratuitamente possa mettere a servizio del bene comune i carismi che il Signore mi ha dato. 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2021