don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2021

106
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Il misterioso incontro tra la povertà umana e la grandezza divina

Gesù sale sul monte non per fuggire dalla folla, ma per attenderla e accoglierla. Il monte è il luogo simbolico dell’incontro con Dio, l’Altissimo si fa prossimo lasciandosi accerchiare da un popolo ferito da drammatiche povertà. La folla non ha nulla da offrire se non la propria nullità, ma ripone in Gesù la fiducia di ricevere la salvezza gratuitamente.

Perché i discepoli non restino ai margini, come spettatori distanti, Gesù li chiama a sé e apre il suo cuore, rivela loro i suoi sentimenti per quella moltitudine che lo aveva seguito, ma rischiava di non reggere al peso del viaggio. La compassione non vede solo il bisogno immediato ma anche quello futuro perché è previdente. Senza che Gesù sia esplicito, i discepoli si sentono interpellati, è la Chiesa di ogni tempo che è chiamata ad ascoltare il cuore di Dio, a sintonizzarsi con la sua carità che spinge verso una scelta di campo: l’attenzione agli ultimi.

La risposta al bisogno della folla deve essere comunitaria e corale. Davanti ai poveri e ai loro bisogni ciascun cristiano deve assumersi le proprie responsabilità e non delegare ad altri la soluzione dei problemi. Tutto nasce dal riconoscere la gratuità del dono quotidiano della vita che riceviamo da Dio. 

L’Eucaristia, parola che sana e pane che nutre, è la fonte della carità, che deve aprire il cuore alla condivisione fraterna per promuovere la dignità di ogni uomo. 

La Parola cambia la vita

Siamo grati al Signore per i doni che ci elargisce quotidianamente, anche se spesso non ce ne accorgiamo?

La partecipazione all’Eucaristia si traduce in condivisione fraterna delle nostre risorse con coloro che sono nel bisogno?

Signore Gesù, Maestro buono che poni la tua cattedra tra gli ultimi, gli scartati e gli infermi, purifica e guarisci il nostro cuore con la tua Parola perché, sanati nel corpo e nello spirito, possiamo essere testimoni della Grazia con la vita rinnovata dal tuo perdono. Grazie perché parlando con noi, come a familiari, ti confidi e condividi i tuoi sentimenti di compassione per coloro che sopportano il peso della fatica del discepolato e affrontano le prove legate alla scelta di seguirti.

Fa che anche noi non ci scoraggiamo mentre avvertiamo il vuoto e la mancanza, soprattutto di energia e motivazione, nel portare avanti la missione che affidi ai tuoi amici. Accogli il poco o nulla dei nostri meriti e fa che, affidando i nostri carismi nelle tue mani, essi siano benedetti diventando dono tuo per tutti. Accresci in noi la fiducia nella provvidenza di Dio affinché non prevalga in noi la logica del calcolo, che moltiplica i guadagni, ma quella del dono che centuplica la gioia.   

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 1 Dicembre 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 1 Dicembre 2021