don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 8 Giugno 2021

61

Il pane della Pasqua è sciapo e non lievitato perché è il pane della fretta, della fuga, della schiavitù. Il Pane del Cielo che Gesù ci offre è saporito, è lievitato, perché è il pane di chi ha preparato una casa per noi, per sempre, di chi ci attende da sempre, di chi ci dice: “Restate”.

Luce, senza farmi vedere

Voi siete sale, voi siete luce: Gesù mio, vita mia.
Quanto è difficile quello che mi chiedi.
Perché il sale per dare sapore, si deve sciogliere, deve sparire.
La luce quando è accesa, quando è sul lucerniere, non la vedi.
Vedi solo quello che illumina.
Il sale rende buono il cibo che altri mangeranno.
E diranno: buona la minestra, e nessuno penserà al sale.
Perché la quantità giusta di sale è quella che sparisce e non si sente.
Perché la luce che va bene non deve essere troppa, se no acceca.
Ce la farò a sciogliermi, Gesù?
Ce la farò ad essere luce e a non farmi vedere?

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedenteDoncast (don Alberto Ravagnani) – Dal monastero a Radio Deejay, con DIEGO PASSONI
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2021 – Mt 5, 13-16