don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 4 Marzo 2021

82

I cani che leccano le ferite di Lazzaro sono il simbolo dello Spirito Santo che aleggia sulle acque, si incarna nella Vergine e porta la Carità che fa riconoscere a Elisabetta la madre di Gesù.

Mi sarà donato dal cielo

C’è solo il presente.
Sei vivo?
Ama.
Sei ricco?
Dona.

Domani.
Verrai sepolto.
E non potrai amare.
Non potrai donare.
Non potrai nulla.

Così povero.
Da avere un cane come amico.
Così affamato.
Da mangiare avanzi caduti.
Così misero.
Da morire solo.

E poi gli angeli.
Il paradiso.
La vita piena.

Dovremmo essere sempre l’uno il bene dell’altro.
Alleviare l’uno il male dell’altro.

E invece no.
Teniamo le porte chiuse.
E così si creano abissi.
Anche in cielo.
Quello che amo, dono, qui, ora.
Mi verrà donato in cielo.
Non c’è altra legge.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 4 Marzo 2021