don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 27 Gennaio 2021

113

Il seminatore esce e semina. La terra a volte non riceve perché è impermeabile, altre volte è arida, oppure non è profonda. Dio semina e spera. Esce e spera. Incontrerà la fede quando di nuovo verrà sulla Terra? Preghiamo di essere il terreno buono in cui il Suo amore possa mettere salde radici.

Insegnami la pazienza

Sei in mezzo al mare.
E io qui, a riva.
Pochi metri d’acqua tra me e te.
Sento la tua voce.
Ma vorrei stare ancora più vicina.
Senza nulla che ci divida.

Quando esco dalle tue mani.
Mi sento mangiata.
Mi sento bruciata.
Mi sento soffocare.
Mi sento sterile.
E, poi, all’improvviso, una parte di me inizia a vivere di nuovo, a dare frutto.
Molto frutto.
Tu non mi lasci mai.
Anche se esco dalla tua mano.
Tu non mi abbandoni mai.
Anche se siamo lontani.
Tu sei in me.
Fiorirò, vivrò, darò frutti.
Che sono i tuoi.

Io so di te.
Io vengo da te.
Io torno a te.

Parola come seme.
Non basta essere terra.
Ce ne vuole tanta.
Per proteggere le radici ce ne vuole di quella buona.
Per nutrire le radici ci vuole che si richiuda sul seme.
Per coprire e nasconderne la delicatezza.
E poi ci vuole tempo.
Perché il seme muoia.
Perché la pianta nasca.
Perché il frutto sia pronto.

Sono terra.
Da aprire.
Da solcare.
Da penetrare.
Da attendere.
Da cogliere.

Sei il mio seme.
Saprò proteggerti.
Dammi tempo.
Insegnami la pazienza.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.