don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 26 Marzo 2021

77

Gesù è a rischio di lapidazione, come l’adultera. Come lei non nega il suo peccato e chiede misericordia, così Lui si rivela Figlio di Dio per le opere compiute e per la testimonianza di Giovanni viva ed operante in Lui.

Resterò a guardarti

Tu fai solo cose buone.
E non si può essere lapidati per delle cose buone.
Eppure loro hanno le mani piene di pietre.

Non si può catturare un uomo che fa opere buone.
Anche se dicono che bestemmia perché si fa Dio, non puoi catturarlo.
Perché le sue opere sono lì a dimostrare che quello che dice di sé non è bestemmia ma verità
Dalla sua bocca e dalle sue mani, esce Dio.
Come diceva Giovanni.
Come dicono le opere stesse.
Come dice lui.
È Dio.
È nel padre.
Il padre è in lui.

Ecco perché sfugge.
Ecco perché va via.
La verità lo protegge.
La realtà dice chi è.
È figlio.
Perché fa quello che dice il padre.
È Dio.
Perché quello che fa è un’opera buona.
Resterò a guardarti.
Resterò ad ascoltarti.
Resterò sempre.
Sei la parola più bella che abbia mai visto.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2021
Articolo successivoSr. Loredana Dalla Libera – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2021