don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 23 Marzo 2021

164

Non si può seguire l’amore se non si ama. L’amore vuole la libertà e se la giustizia con cui viviamo è quella di un legame utilitaristico e istituzionale, non è possibile nessuna relazione con Gesù perché Egli vuole con noi lo stesso rapporto che Lui ha con il Padre. Un amore così grande da essere incarnato in una relazione che è persona, vita, verità: loSpirito Santo.

Portami al Padre

Dove vai?
Non lo so.
Ma non avrò bisogno di cercarti.
Sono aggrappata alla tua mano.
E se la perderò.
Stringerò il tuo mantello.
E se lo perderò.
Cercherò il tuo sguardo.
E se lo perderò.
Chiamerò il tuo nome.
E tu sarai già qui.
Accanto a me.

Dimmi dimmi.
Le molte cose che hai da dire.
Il tuo parlare mi veste.
Il tuo parlare mi sazia.
Mi innalza dove sei tu.
Mi attrai.
Mi attrai.
Non capisco tutto quello di cui parli ma lo riconosco.
Lo riconosco come mio.
E questo voglio.
Essere con te.
Essere tua.
Portami con te.
Portami al padre.
Portami a casa.

Insegnami le cose che gradisci.
Le farò.
Te le farò.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 23 Marzo 2021
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 23 Marzo 2021 – Gv 8, 21-30