don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 23 Agosto 2021

104

Il regno di Dio non può essere chiuso in vuoti decreti dalla superbia di chi crede di avere in mano la verità perché il regno di Dio resta sempre aperto all’offerta, a chi, non avendo nulla, dona se stesso.

Ipocriti e guide cieche
Non vai per il sottile
Sei diretto e molto esplicito
E’ facile crearmi idoli
Seguire guide cieche o mettermi a guida cieca di chi mi sta accanto
E sostituire Te con tanti tuoi surrogati che mi creo a portata di mano e di cuore
Ma non sono Te
Lì non ci sei
Tu non ci sei e nemmeno ci stai
Non sei il mio genio della lampada che posso far comparire a mio piacere
Sei il mio Dio incarnato se solo lo voglio, se solo lo accetto.
Aprimi gli occhi
Toglimi le squame che mi lascio crescere e che fatico a rimuovermi ogni mattina
Per vedere Te
Per non prendere abbàgli e restare con chi mi dà parvenze di eternità, soddisfa parzialmente il mio desiderio di Infinito ma è solo finito come me.
Tu sei Altro
Tu sei in noi
Tu sei.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Agosto 2021
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 23 Agosto 2021