don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 18 Maggio 2021

55

La gloria che Gesù chiede non è fondata sul potere o sul riconoscimento ma sulla donazione che lega lui al Padre e il Padre a tutti gli uomini. Così, nel servizio, tutti siamo nella Trinità.

La tua presenza

Voglio seguire il tuo sguardo.
Voglio arrivare al cielo.
Seguendo il tuo sguardo.
E parlare al Padre.
E glorificare te, amore mio.

Hai ogni potere su di me, amore mio.
Mi doni la vita, amore mio.
Guardo te.
Ascolto te.
E ogni mia parola si fa lode.
Lode e gloria.
Per te e per il padre.

Amorevole scambio.
Dalle braccia del padre alle tue.
Questa è la mia vita.
Accudita.
Amata.
Nutrita.

Tutto di me viene da te.
Cose e parole.
Dal padre a te.
Da te a me.
Più uniti di così non si può.
Che meraviglia.
Tutto è amore e tutto passa.
E io amo.
E sono amata.
E io credo.
E vivo.
E prego.

Una cosa sola.
Anche se lontani.
Una sola parola.
Del padre e la tua.
Un solo sguardo.
Il mio e il tuo.
Un solo nome.
Il tuo. Che ci unisce tutti a te, al cielo, alla vita.

Voglio darti le mie cose.
Tutte.
La mia vita.
Tutta.
Portala in cielo con te.
Sono custodita da te.
Dal tuo nome.
Dal tuo sguardo.
Dalla tua presenza.
Sono con te.
Una cosa sola.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2021