don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 11 Marzo 2021

137

Il segno distintivo della Trinità è l’unità. L’amore che fa ritornare l’uomo alla sua dignità.

Sei tu il cielo

Il demonio non sempre fa rumore
Sa anche tacere.
Sa anche chiudere la bocca. La sua e la mia.
Ma anche da muto.
Ma anche senza rumore.
Tu lo scovi.
Tu lo scacci.
Con te sono al sicuro.
Se ci sei tu.
Non c’è il demonio.
Con te sono al sicuro.

No.
Non scaccia i demoni con la forza del capo.
Non scaccia i demoni perché è demone.
Solo l’amore scaccia, cancella, elimina, il male.
Solo la forza della sua parola, della sua vita, basta.
Basta vivere per vincere la morte.
Basta amare per vincere l’odio.
Basta parlare per vincere il silenzio.
Basti tu per vincere il demonio.

Basta un dito di Dio.
Basta una briciola d’amore.
E il demonio fugge.
E l’odio perde.
Basta una fessura a dividere.
E tutto cade in rovina.
Dove c’è il demonio, i regni cadono, tutto è diviso.
Basta una fessura.
Dove ci sei tu, amore mio.
Dove ci sei tu, c’è Dio.
E con un dito mi apre la bocca.
E con un dito raddrizza la mia casa.
La mia vita.
E con un dito mi rimetti in piedi.
Amore mio giudica tu la mia vita.
Sei tu il regno che aspettavo.

Non voglio armarmi.
Nessun’arma.
Nessuna forza.
Può difendermi dal demonio e dal suo regno.
Sono tanti.
Sono forti.
Non è con la forza che li fermerò.
Non è con le guardie, con le armi.
Che li fermerò.
Voglio te.
Unita a te.
Con te dentro.
Unita a te.
Con te intorno a me.
Come roccia.
Come cinta.
Non disperderò nulla.
Non perderò nulla.
La forza di un abbraccio.
Fermerà.
Caccerà.
Ogni male.

Esiste una sola casa.
Che non cade.
Esiste un solo regno.
Che non va in rovina.
È retto da un dito.
È protetto da una carezza. Il dito di Dio.
La carezza di Dio.
La tua presenza.
Voglio quella casa.
Voglio quel regno.
Voglio te.
Sei tu il segno.
Sei tu il cielo.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedenteRobert Cheaib – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2021