don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 5 Giugno 2019

106

Gesù parla di sacerdozio non solo come del solito aspetto che conosciamo ma come una comunione di vita con Lui che vuole fare da controcanto alla comunione tra Lui e il Padre. Una testimonianza, insomma, di fecondità nell’unità che si comunica e si diffonde, come buona novella, nel mondo.

L’odio non mi toccherà

Essere una cosa sola.
Con il tuo nome in bocca.
Con la mia vita nelle tue mani.
Vita mia, custodiscimi.

Il tuo nome è di Dio.
Ripeterlo. È come pregare.
Ripeterlo. È come trovare un riparo.
Con il tuo nome in bocca.
Non mi perderò.
Io sono tua.
Sei tu il mio paese.
La mia vita.
Il mio mondo.
Io sono tua.
La mia gioia è piena.

Custodita.
Consacrata.
Mandata.
Il maligno non può nulla.
Il mondo non mi farà perdere.
Ho il tuo nome a proteggermi.
L’odio non mi toccherà.

Ci sono nomi da conoscere.
Il tuo.
Quello del padre.
Sono nomi che dicono la verità.
Che sono la verità.
Sono custodita.
Sono consacrata.
Sono inviata.
E tu sei con me.
Sempre.
E io non ho più paura.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Siano una cosa sola, come noi.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 17, 11b-19

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi.
Quand’ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità.
Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteAndrea Monda, Buongiorno Professore – “Il lato oscuro”
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 9 Giugno 2019 – Comunità Kairos