don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 3 Agosto 2019

8

L’orgoglio e la lussuria di Erode ed Erodiade negano l’umanità di Dio. Erode non riconosce Gesù e lo scambia per Giovanni risorto dai morti. Non riconosce Giovanni e la sua amicizia e antepone alla realtà questioni di orgoglio e status. Infine non riconosce Giovanni neppure nella morte e vuole renderlo irriconoscibile togliendogli la testa. A ciò si oppone il cristianesimo che è sempre riconoscimento della persona e della sua individualità, libertà e dignità quotidiane.

Una danza 

Brutta cosa la fama.
Perché arriva da sola.
Senza il corpo.

Se di una persona conosco la fama.
Ma non conosco lui.
Non conosco niente.
Per conoscersi bisogna incontrarsi.
Per conoscersi bisogna amarsi.

Una donna che non sa amare.
È pericolosa.
Per sé e per gli altri.

Una donna che non sa amare, non sa dare la vita.
E senza la vita, rimane solo la morte.

Non si può disporre della vita di un altro.
Non si può barattare la vita come fosse un oggetto.
Non si può barattare la vita di un uomo per mantenere il proprio onore.
Un assassino non ha onore.
Un giuramento o è per la vita.
O è una bestemmia.
La vita è una danza e non deve portare alla morte.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Erode mandò a decapitare Giovanni e i suoi discepoli andarono a informare Gesù.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 14, 1-12

In quel tempo al tetrarca Erode giunse notizia della fama di Gesù. Egli disse ai suoi cortigiani: «Costui è Giovanni il Battista. È risorto dai morti e per questo ha il potere di fare prodigi!».
Erode infatti aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo. Giovanni infatti gli diceva: «Non ti è lecito tenerla con te!». Erode, benché volesse farlo morire, ebbe paura della folla perché lo considerava un profeta.
Quando fu il compleanno di Erode, la figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode che egli le promise con giuramento di darle quello che avesse chiesto. Ella, istigata da sua madre, disse: «Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista».
Il re si rattristò, ma a motivo del giuramento e dei commensali ordinò che le venisse data e mandò a decapitare Giovanni nella prigione. La sua testa venne portata su un vassoio, fu data alla fanciulla e lei la portò a sua madre.
I suoi discepoli si presentarono a prendere il cadavere, lo seppellirono e andarono a informare Gesù.

Parola del Signore.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 3 Agosto 2019
Articolo successivodon Paolo Squizzato – Commento al Vangelo di domenica 4 Agosto 2019