don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 27 Agosto 2019

164

Pulire il bicchiere all’esterno affinché nessuno veda l’avidità è la più grande tentazione della paura e l’illusione del potere che ci lascia soli e ci incatena.

Aprimi gli occhi

C’è solo un modo per essere puliti.
Aprire bene gli occhi.
Guardarsi dentro.
Passarsi una mano sul cuore.
Togliere tutto quello che non è giustizia, che non è misericordia, che non è fedeltà.

C’è solo un modo per sembrare puliti.
Guardare fuori di sé.
A quello che si vede.
Che si fa.
Guardare con occhi chiusi.
Pagare tutto.
Filtrare tutto.
Rispettare tutte le regole.
E il cuore nascosto, duro, spento, senza amore.

Guardarmi senza occhi: ecco quello che faccio quando voglio sembrare giusta, misericordiosa e fedele.
Chiudo gli occhi.

Aprimeli amore mio.
Aprimi occhi e cuore.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Queste erano le cose da fare, senza tralasciare quelle.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 23, 23-26

In quel tempo, Gesù parlò dicendo:

«Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sull’anéto e sul cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste invece erano le cose da fare, senza tralasciare quelle. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma all’interno sono pieni di avidità e d’intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi pulito!».

Parola del Signore