don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 23 Gennaio 2020

329

Gesù non vuole essere manifestato da uno spirito immondo che lo rivela con urla e in un clima di sopraffazione e di violenza. Non dobbiamo manifestare Dio con la violenza di noi stessi, ma facendo spazio, spogliandoci di noi stessi affinché lui viva in noi.

Non da lontano

Mi getto addosso a te Gesù, perché ho male.
Sono ferita.
Sono malata.
Sono venuta da te perché ho sentito che eri qui, che c’eri.
Ma per togliermi il male mi devo gettare addosso a te.
Ti devo toccare.
Per guarirmi, hai bisogno di me.
Devo trovarti e toccarti, ti ho cercato, trovato e ora ti tocco.
Tu non sani da lontano.
Perché guarire è farsi amare e solo chi ama, guarisce.
E non si può amare da lontano.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Gli spiriti impuri gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 3, 7-12 In quel tempo, Gesù, con i suoi discepoli si ritirò presso il mare e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall’Idumea e da oltre il Giordano e dalle parti di Tiro e Sidòne, una grande folla, sentendo quanto faceva, andò da lui. Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo. Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse. Parola del Signore