don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 22 Marzo 2020 – Gv 9, 1-41

42

La piscina di Siloe è come il pozzo della samaritana, come l’acqua del Giordano che Giovanni prende tra le mani per battezzare Gesù: è la forza dell’amore di Dio che ha bisogno di un grembo per essere donato a noi: è lo Spirito Santo che dà la vita ed è Maria che ci dona Dio incarnato nel Figlio.

Io e te

Strana luce che sei, Gesù mio, una luce che sputa a terra.
Una luce che si sporca le dita con il fango e non pulisce ma manda a lavarsi.
Strana luce che dà luce, non solo fa luce, non illumina solo, non brilla da lontano.
Mi dai fango, mi sporchi con le dita mi dici: fidati.
Non mi apri gli occhi, me li chiudi.
Me li sigilli con il fango fatto da te, dalla tua saliva.
Che strana luce che sei.
Ora sono cieca e sporca di fango.
Mi mandi a lavarmi.
Le tue mani hanno coperto, le mie mani toglieranno.
Vuoi che facciamo insieme la mia salvezza.
Io e te.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedenteIl Vangelo di domenica 22 Marzo 2020 raccontato ai bambini
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Lectio divina in tempo di Coronavirus – 22 Marzo 2020