don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 20 Giugno 2019

91

Nel mese del Corpus Domini, la chiesa ci ripropone il Padre nostro. Preghiera a Dio che ci ha donato il corpo del Figlio affinché, attraverso l’esposizione sulla croce, fosse strumento di salvezza per elevare l’uomo alla sua Divinità per sempre.

Le parole per amare

Non sprechiamo parole.
Amore mio.
Non voglio averti con la forza delle parole.
Ma con la forza delle carezze, degli abbracci, degli sguardi.
La forza della tua presenza.
Io e te: eccola la forza della mia vita.

Una sola parola.
Non ne sprecherò altre.
Ti amo.
Ti amo.

Tu sai cosa voglio.
Ti amo.
Questo è il mio bisogno.
Amarti.
Che mi ami.
E non c’è bisogno di parole.
E non c’è bisogno di domande.
Lo sappiamo.
Lo sai.

Dammi tu.
Dammi tu le parole.
Le parole per amare.
C’è un nome da sapere.
Una volontà da fare.
Un pane da prendere.
Debiti da colmare.
Tentazioni da evitare.
Un male da estirpare.
E solo tu.
Solo tu, amore mio, puoi darmi le parole.
Le parole per amare.

Come è fatto l’amore?
È fatto a forma di perdono.
Quanto amo?
Quanto mi ami?
Tanto.
Tantissimo.
Perché mi perdoni tutto.
Perché mi perdoni tutta la vita.
Insegnami la forma dell’amore.
Insegnami il perdono.

Quanto ti amo.
Tu mi ascolti il cuore.
Le mie parole non domandano nulla.
Ripetono.
Ripetono solo.
Ti amo.
Ti amo.
Non faccio domande.
Ma ottengo tutte le risposte

Un nome santo.
Una volontà d’amare.
Un pane buono.
Un debito colmato.
Libera.
Libera e amata.
La mia preghiera, le tue parole.

 

Voi dunque pregate così.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 6, 7-15 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate. Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male. Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe». Parola del Signore
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 23 Giugno 2019 – p. Ermes Ronchi
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 23 Giugno 2019 per bambini/ragazzi – Sr. Mariangela Tassielli