don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 15 Novembre 2020

61

Quando Gesù tornerà da noi, non ci chiederà le preghiere che ci ha insegnato né sarà una voce dalla nube o uno spirito che soffia. Sarà Lui nei nostri fratelli. Non farà cenno alle cose che ci ha detto chiedendoci, cosa ho detto? Lo hai fatto? Ma ci chiederà di quelli che ci stavano accanto. Ho riempito la loro pancia? Ho dato da bere alla loto bocca secca? Sono stato casa per loro coprendo il loro corpo? Sono andato a trovarlo in carcere? E non mi chiederà se mi sono mantenuto puro ma se sono andato a toccare le sue ferite sporcandomi di Lui.

Tutto tuo

Ho i miei talenti in mano.
Sono fissa.
Ferma.
A guardarli.
A guardare la mia vita senza te.
Sei andato via.
Mi hai lasciato i talenti.
Sei andato via.
E mi sembra di non avere più nulla.
Poi apro la mano.
Vedo quello che mi hai lasciato.
Vorrei non darli via.
Me li hai dati tu.
Li hai toccati tu.
Vorrei nasconderli.
Tenerli per me.
In tuo ricordo.
Ma poi mi alzo.
E vado.
Vado a vivere delle cose che mi hai dato.
Che mi hai lasciato.
E si moltiplicano in mano.
Sono il doppio.
Quando mi troverai con le mani piene.
Sarò ricca di te.
Mi manchi da morire.
Sono ricca di te, si.
Ma mi manchi da morire.

Parti?
Dove vai?
Capisco solo questo.
Che te ne vai.
Dimmi dove.
Dimmi quando torni.
Va bene, tengo le tue cose.
Si, mi basta quanto mi hai dato.
Di più non potrei.
Conosci tu la mia misura.
Riempimi le mani.
Le svuoterò.
Andrò da chi mi aiuterà finché non torni.
Ma torna presto.
Non c’è nessuno che può darmi quello che mi dai te.
Perché io voglio te.

È tutto tuo.
Tutto.
Per sempre.
Non c’è da aver paura che prenderai di più.
È tutto tuo.
È tuo il seme.
È tuo l’albero.
È tuo il frutto.
È tuo il talento.
Sono tue le mie mani che lo ricevono.
Sono tuoi i banchieri.
Tuo il guadagno.
Tuoi i giorni.
Tuo il ritorno.
Tua, io, che ti aspetto.
Tue le mie mani che ti attendono piene.
Per essere svuotate.
Per essere prese.
E riempite di te.
Perché io ho solo te.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.