don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 14 Ottobre 2020

91

Il primo segnale del passare dalla fede in Gesù al vivere il cristianesimo come una religione qualsiasi, è considerare quanto diamo importanza all’opinione che gli altri hanno di noi. Al sedere nei primi posti nelle sinagoghe.

Con amore e per amare

Mettersi a posto con sé stessi.
Pagare tutto il pagabile.
Pareggiare tutti i conti.
È giusto.
Ma “giusto” non è tutto.
Senza l’amore di Dio non ho pareggiato nulla.
Senza la giustizia di Dio non ho pagato nulla.
Senza Dio i conti non tornano mai anche se ho pagato tutto.

Se è una cosa buona da fare, falla.
Ma con amore.
Ma per amore.
Con Dio.
Per Dio.
Se è da pagare, pagalo.
Ma per giustizia.
Ma con giustizia.
Quella di Dio.
Quella giustizia che è sempre anche amore.

Amore mio insegnami quella giustizia, quell’amore, che vengono prima di tutti i pagamenti.
Prima di tutti i primi posti e di tutti i successi.
Non voglio essere la tomba della tua giustizia e del tuo amore.
Non voglio contaminare nessuno con la mia giustizia senza la tua, con il mio amore senza il tuo.
Quello che è senza te, non è.

Ce ne è per tutti.
Non sono offese.
Sono verità.
Ce ne è per tutti.
Farisei e dottori.
Per tutti.
Chi è che non paga tutto, pur di stare a posto con la coscienza?
E la giustizia? La giustizia di Dio?
Chi di noi non ama i primi posti e gli applausi?
E l’amore? L’amore di Dio?
No.
Non è un offesa.
È la verità. La Verità.
Dammi la tua verità.
Dimmi i tuoi guai.
E correrò da te.
Solo tu sai portare i miei pesi.
Solo l’amore mi fa vedere la verità senza offendermi, senza farmi soffrire.

Che posto ho nel tuo cuore?
Che pesi porti con me?
Ti piace come sto vivendo?
Cosa debbo pagare, debbo fare per non offendere nessuno?
Cosa debbo fare per non far inciampare nessuno?
Tu che mi ami puoi dirmi la verità.
Ti ascolto.

Mi sono guardata dentro le tue parole.
Con la mia contabilità di amore e giustizia: tutto a posto.
Mi sono guardata alla luce delle tue parole.
Come un sepolcro nascosto.
Mi sono guardata dentro il timore dei tuoi Guai.
Piena di pesi insopportabili che non volevo portare.
Che non potevo portare da sola.
Che volevo scaricare.
E poi ti ho guardata.
Sei tu.
Ai tuoi occhi mi sono vista.
Mi sono guardata dentro i tuoi occhi.
Solo amata.
Solo giustificata.
Tutta amata.
Tutta giustificata.
Mai più trascurerò il tuo sguardo.
Mai più mi guarderò se non dai tuoi occhi.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.