don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 14 Marzo 2020 – Lc 15, 1-3. 11-32

6

La parabola del figliol prodigo, è anche la parabola del figlio maggiore. Un monito per tutti in questo momento. Perché è il simbolo di un’umanità che di fronte alle fragilità, al bisogno degli altri, guarda dall’alto in basso, non si fa carico dei problemi degli akltri e additta un criterio di giudizio che lo fa vivere più solo e infelice.

Le loro parole sono solo parole

I peccatori ascoltano e i farisei mormorano.
Si può imparare da un peccatore ad ascoltare te, amore mio.
Scribi e farisei parlano e non mangiano.
Mormorano, vicini, tra loro e lontani da te.
La loro testa è piena di tutto quello che Dio ha comandato.
Lo sanno bene, sanno tutto.
La loro testa è piena ma la loro pancia è vuota di tutto quello che hai portato.
Le loro parole non si fanno carne, cibo.
Le loro parole si fanno parole.
Si moltiplicano in bocca e lasciano la pancia vuota.
Ora basta, vado dai peccatori.
Mi avvicino a loro, per ascoltarti, amore mio.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedentePadre Giulio Michelini – Commento al Vangelo di domenica 15 Marzo 2020
Articolo successivoBibbia, Arte e Società – Commento al Vangelo di domenica 15 Marzo 2020